SOLIDARIETA' ... come altro?

SOLIDARIETA' ... come altro?
Ci impegniamo senza giudicare chi non s'impegna, senza accusare chi non s'impegna, senza condannare chi non s'impegna, senza cercare perché non s'impegna, senza disimpegnarci perché altri non s'impegna. Ci impegniamo per trovare un senso alla vita, a questa vita, alla nostra vita, una ragione che non sia una delle tante che ben conosciamo e che non ci prendono il cuore, un utile che non sia una delle solite trappole generosamente offerte ...dalla gente pratica. Si vive una sola volta e non vogliamo essere giocati in nome di nessun piccolo interesse. (Primo Mazzolari)

venerdì 15 febbraio 2013


15 febbraio 2013
 

Affezionata piccola grande famiglia di Fatti Mail

Se non puoi essere un pino sul monte,
sii una saggina nella valle,
ma sii la migliore piccola saggina
sulla sponda del ruscello.
Se non puoi essere un albero,
sii un cespuglio.
Se non puoi essere una via maestra
sii un sentiero.
Se non puoi essere il sole,
sii una stella.
Sii sempre il meglio
di ciò che sei.
Cerca di scoprire il disegno
che sei chiamato ad essere,
poi
mettiti a realizzarlo nella vita -  Martin Luther King 

La cronaca – eccezionalmente ricca  - spinge a riflessioni sul delicato ma ineludibile rapporto fra essere e  fare. Un rapporto che percorre come  linfa la pianta della solidarietà.
Possiamo affrontare l’essere ed il fare in maniera distorta:  utilizzando l’uno per affermare l’altro.
Possiamo nascondere – agendo in questo modo -  verità scomode agli altri ed a noi stessi.
Quanto spesso affidiamo al mero fare il sacrosanto dover e poter  essere?
Capita - ad esempio - di intercettare genitori rispondere a figli che reclamino (magari malamente) un rapporto vero: lavoro tutto il giorno per te, ho comprato questo per te, porto i soldi a casa per te, tutto questo lo  FACCIO per te !!! …  si fa in effetti molto per loro ma quel fare non esaurisce (né mai sostituisce)  l’ essere loro genitori. Come i regali non sostituiscono i sentimenti. Né il far soldi può sostituire il valore  di un individuo. O il far l’elemosina l’essere solidali.   Capita molto spesso,  su molti   fronti (oltre quello della genitorialità) di identificare  ciò che siamo con ciò che facciamo. E  nascondere le sfide dell’essere dietro le conquiste del fare.
La scorciatoia del fare per millantare l’ essere non è però l’unica provocazione lanciata da queste due dimensioni. Ce n’è una seconda altrettanto importante. Riuscire a rendere testimonianza di ciò che si è  con ciò che si fa. Perché ciò che siamo – o diciamo di essere – possa raggiungere la sua compiutezza …  parlare non basta. Senza  fatti   le parole evaporano al sole della vanità e ciò che siamo   può ridursi   a  maschera.
Per non vivere un eterno Carnevale (che è “divertente” proprio perché dura poco  altrimenti sarebbe grottesco) le parole - di tutti - devono poter essere setacciate al filtro del fare e dell’aver fatto. Prime fra tutte le parole del  nostro essere o voler essere. Posso definirmi – semplificativamente  - ambientalista perché ogni giorno agisco in modo da contenere gli sprechi energetici, perché compio scelte di acquisto che tengano conto anche del rispetto dell’ambiente, perché valorizzo il riciclo piuttosto che il consumo. Posso definirmi ambientalista perché ciò che faccio ed ho già fatto testimonia (conferma) ciò che dico di essere.
Bisogna ridare alle parole oltre alla loro abusata forma anche il loro meno scontato contenuto: quello dei fatti che servono a renderle vive e vere.
“il termine ebraico davar, normalmente reso con «parola», significa anche «cosa», «evento», «azione» (cf. 1Re 11,41; 14,19.29; ecc.). Il davar – la Parola - è l’intervento di Dio nel divenire del mondo, intervento sempre efficace e performativo; è la sua volontà di vita che costantemente sostiene l’intero creato e ogni singola creatura. Tutto ciò è ben sintetizzato da un famoso brano del profeta Isaia:
Oracolo del Signore: «Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare … così sarà della mia Parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata» (Is 55,8.10-11).” (Enzo Bianchi)
Davar, in ebraico, è un termine che significa parola:  parola unita all’azione da compiere per poter acquisire “senso”. Il significato - l'essere della parola -  è nell’evento, nella cosa, nell’azione che chiama a fare per essere rivelata.
Una  parola che sappia farsi azione, che tragga dai gesti compiuti il proprio  significato, che abbia nei fatti la propria grammatica  … una parola che non sia solo descrizione della realtà (presente o futura) ma la trasformi (anzi le dia forma) attraverso gesti anche piccolissimi di realizzazione … è parola che impasta il presente con il futuro .
I futuri non realizzati sono solo rami del passato: rami secchi (Italo Calvino)
se questa parola fosse la nostra (e se solo questa parola pretendessimo di ascoltare) …  se questo fosse il “metro” di definizione, comunicazione e valutazione individuale e comunitario  potremmo vivere,  senza “sforzo” alcuno,  una società  attraversata da autenticità e solidarietà …  ad ogni livello e grado di convivenza.
Il valore di testimoniare quotidianamente ciò che siamo   ha in questo momento una voce eccellente:
La parola decisiva nell’annuncio papale di ieri è però un’altra, la seguente: «Nel mondo di oggi». Ecco le sue parole: «Nel mondo di oggi per governare la barca di san Pietro è necessario anche il vigore sia del corpo sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito». Nel mondo di ieri, fa intendere Benedetto XVI, la distinzione tra persona e ruolo poteva ancora non emergere e un Joseph Ratzinger indebolito avrebbe ancora potuto continuare a svolgere il ruolo di Benedetto XVI. Nel mondo di oggi, invece, non è più così … L’inedita situazione determinata dalle dimissioni di Benedetto XVI è di grande aiuto per comprendere che cosa significa veramente fare il papa. Fino a ieri “essere papa” e “fare il papa” era la medesima cosa. Fino a ieri la persona e il ruolo si identificavano, non c’era soluzione di continuità, ed anzi, se tra le due dimensioni doveva prevalerne una, era certamente quella di “essere papa” a prevalere, facendo passare in secondo piano il fatto di avere o no le piene possibilità di poterlo fare … Nel caso di Benedetto XVI abbiamo a che fare con una  testimonianza di altro colore, quello del riconoscimento della propria debolezza, del proprio non essere all’altezza. È la fine di una modalità di intendere il papato, e può essere la nascita di qualcosa di nuovo” (Vito Mancuso)
Ogni scelta rivela una libertà. Questa scelta ha avuto il coraggio di svelare libertà nello Spirito   e speranza nell’uomo. Essere e Fare. Essere nel poter Fare, Fare per render manifesto l’ Essere.

Parola, azione -  davar -  libertà … ingredienti fondamentali per affrontare anche le nostre le scelte.  Tutte quelle che questo nostro tempo reclama  cercando    di orientare la bussola su una  stella polare chiamata speranza. 
«Sperare significa coltivare la solidarietà umana.
 Istituzioni e individuo sono in crisi, è vero. Va riaperto un dialogo che passo dopo passo rinforzi la cooperazione sociale, un gioco dove non ci sono vincitori e vinti ma solo vantaggi per tutti». (Zygmunt Bauman)

Due ulteriori condivisioni:

1)    Chiunque voglia inviare a Fatti Mail iniziative/eventi da promuovere, se vuole che  possano essere  condivise NON   mandi ALLEGATI, NE’ LOCANDINE (o almeno non solo) … ma tutto il comunicato direttamente come testo della mail a gaiaspettaespera@tiscali.it, 

2)    Le richieste di solidarietà legate alla ricerca di lavoro  - oggi come sempre - chiamano tutti coloro che vogliano “essere” solidali  a “fare” un gesto in più: una lettura approfondita, un passa parola, un’attenzione ad occasioni che possano capitare al nostro ascolto.  Non sono bigliettini attaccati ad una bacheca … sono amici, persone che stanno portando un peso – diverso ma gravoso in ogni caso – e chiedono il nostro sostegno … per non restarne schiacciati. Grazie



AVVISATE LE PERSONE DA VOI SEGNALATE -  DI CUI FORNITE SOLO UN NUMERO DI TELEFONO -CHE POTREBBERO RICEVERE TELEFONATE IN CUI SI FA RIFERIMENTO A “FATTI MAIL” … è importante aiutare due persone estranee che si parlano a superare il disagio iniziale dovuto spesso proprio alla mancanza di fiducia … Considerate che l’espandersi di Fatti Mail se da una parte aumenta i lettori (e le opportunità di risposte solidali) dall’altra estende anche al di fuori delle spedizioni di Fatti Mail via e-mail la possibile lettura del bollettino. Chiedete quindi a chi vi chiami o vi contatti come sia venuto a conoscenza della vostra richiesta, regolandovi conseguentemente. 


BUONA LETTURA : 


1)                CLAUDIO CERCA LAVORO
Claudio Granada, di origine rumena è un ragazzo di 19 anni; circa due anni fa la mamma è morta poco dopo il parto da cui è nata una sorellina di Claudio, a causa di grave tumore scoperto proprio  durante il parto.

La sorellina è stata mandata in Romania dove è allevata dalla nonna e qui a Roma sono rimasti
 Claudio ed il suo papà che lavora come muratore. Il loro sogno è quello di migliorare la loro  situazione per far tornare qui la piccola affidata alla nonna.
Nei  primi tempi Claudio è riuscito a lavorare come manovale, ma ora sono un po' di mesi che non
 trova alcun lavoro.
Vorrebbe prendere la cittadinanza italiana e dare l'esame per la patente.
 
Ma anche per questo ha bisogno di lavorare ed è ' disposto a fare qualsiasi lavoro. Il suo numero
 
di telefono è 340-9885736.
Per le referenze o altre informazioni potete chiamare la mia amica Carla che conosce bene Claudio
  in quanto la mamma ha lavorato da lei per molti anni come domestica. Il telefono di Carla è ....
Un saluto ed un abbraccio.
Alessandro
gaiaspettaespera@tiscali.it,
  
2)        DANIELE CERCA urgentemente LAVORO:

Daniele vive in Italia ormai da 10 anni con la moglie Daniela e le
loro due bimbe nate nel nostro paese, è un ottimo pittore e muratore,
ma ormai da troppi mesi riesce a lavorare solo in modo estremamente
saltuario. E' pertanto disponibile anche a qualsiasi altro tipo di
lavoro. E' persona onesta, seria ed affidabile, è dotato di spirito di
iniziativa e disposto a raggiungervi in qualsiasi zona della città ma ha urgente bisogno di  lavorare per risolvere importanti problemi personali e familiari
Grazie
(cell.....Daniela).

Come sempre ti ringrazio.
Patrizia       
gaiaspettaespera@tiscali.it,
  
3)        DONATO CERCA   LAVORO:

Vivere una condizione  di baratro “senza scadenza”, abbandonati da quel mondo che un tempo consideravamo “AMICO”, soli “senza una famiglia”. Essere costretti per questo, da anni,  ad elemosinare 50 euro, una tantum.
Per continuare a fare una vita che non è vita, ma sopravvivenza, piena di stenti, affidata alla Provvidenza ed al caso; la mensa, la spesa Caritas e gli usurai alle costole da due anni ad ipotecare l’unico bene rimastomi – la casa – acquistata con i risparmi di tutta una vita dai miei genitori adottivi, ora defunti.
Un senso di disperazione che non ti aiuta di certo a chiedere aiuto e ti isola in quella chiusura senza speranza. 
Ho 50 anni, co-autore e lettore radioTV Rai con una considerevole esperienza nell’aiuto regia cinematografica. Già direttore artistico di due emittenti radiofoniche di cui una religiosa, consulente sponsor & pianificazione pubblicitaria per mostre d’arte, eventi,  cinema e tv.  Una antica passione per la fotografia, per l’elettronica, l’informatica e l’audio in generale, in qualche occasione mi ha aiutato. Sono disponibile – con urgenza -  per una occupazione nei settori di mia competenza e NON.
 Metto la mia esperienza offrendomi anche per piccoli lavori, pur di uscire da questa situazione. Sono residente a Roma. Possiedo la patente a e b ma non ho ne la macchina ne il motorino; sono disponibile a viaggiare per raggiungere qualsiasi sede. 
Il mio ‘ECCOMI’ è nel VOSTRO ABBRACCIO SOLIDALE!
Grazie per avermi letto. Cordialità!
Donato - Mail ...  - Cell. ... gaiaspettaespera@tiscali.it,


4)        SOULEYMANE CERCA LAVORO:
         Cara Gaia,

Ti scrivo a nome del mio amico Souleymane, che ho conosciuto un anno fa all'università per uno scambio di lingua (francese/italiano).

E' un ragazzo di 26 anni che arriva dalla Costa d'Avorio e che è molto motivato a trovare una sistemazione a Roma e per questo studia l'italiano a tempo pieno. Per ora frequenta due scuole (una la mattina ed una il tardo pomeriggio), mentre il fine settimana lo dedica allo studio della patente di guida (privatista), alla conversazione e comprensione diretta della lingua con il risultato che è in grado di comunicare e capire bene e di fare discorsi anche complessi. La prossima settimana infine, inizierà un corso di due mesi promosso dall'Unione Europea finalizzato alla creazione di un'impresa, al termine del quale verranno scelti tre progetti che saranno seguiti nella fase di start-up. Ho profonda fiducia in lui e sono certa che il suo progetto rientrerà nella selezione.

Infine, vorrebbe iscriversi alla facoltà di scienze politiche, in quanto è appassionato di geopolitica ma per il momento e purtroppo come tanti, anche lui cerca un lavoro part- time (diurno o notturno), visto l'impegno del corso.

In particolare potrebbe fare tantissime cose, sia manuali che intellettuali, tieni presente che al suo paese ha anche insegnato in una scuola storia e geografia.

E' infatti un ragazzo colto, elegante, educato e riservato, ideale per una persona anziana in difficoltà, ma che potrebbe fare anche pulizie, baby sitter, portiere, imbianchino, aiuto traslochi, guardiano, ma anche mediatore culturale essendo un profondo conoscitore della realtà africana e con il mio sostegno anche di quella italiana, e chi più ne ha più ne metta perché è versatile, responsabile e motivato.

Se qualcuno volesse soltanto chiacchierarci un po', si renderebbe immediatamente conto di quanto sia speciale e di quanto tendere la mano e dare fiducia ad una persona diversa da noi per cultura e provenienza, arricchisca noi più di loro. Provare per credere. :-)

Grazie di cuore per l'attenzione

Rossana Offeddu  ...    gaiaspettaespera@tiscali.it,
  
5)        PAPA’ CERCA STANZA CON DUE LETTI:
Questo SOS in cerca di solidarietà  lo lancia direttamente “Fatti Mail”
Padre 53 enne separato con attivita’ temporanea a Roma cerca una stanza a due letti, per se’ e per ospitare saltuariamente il figlio quindicenne, con bagno ed uso di cucina, anche in appartamento con studenti e/o lavoratori, ma in zona talenti, montesacro, piazza bologna, dall’inizio di marzo a fine maggio del 2013.
  
6)        ELENA CERCA LAVORO

Cara Gaia,
sto cercando di aiutare la signora ELENA IONESCU a trovare lavoro.
Nei mesi scorsi la signora si è occupata  con professionalità, competenza e tenerezza  della cura di mia madre.
Ora, purtroppo mia madre non c’è più.
ELENA è rumena, ha 61 anni, molto giovanile, si esprime nella lingua italiana piuttosto bene, ha senso pratico, è attenta a cogliere segnali di sofferenza anche in chi non è più in grado di esprimersi, molto scrupolosa nella cura della persona affidatale, sia dal punto di vista fisico, sia nel sostegno comunicativo e affettivo.
il n° di cell di ELENA è ...
Il n°  di cell mio è ... e l’indirizzo mail:
Grazie per la tua attenzione e per questa finestra di solidarietà che ci hai aperto sul mondo.


7)        3 SOS x OSPITALITA’ STRAORDINARIA:

Tre bambine di Kimbondo (Congo) hanno bisogno di essere operate in Italia e cercano chi le accolga.

Benedicta ha 13 anni e deve essere operata ad entrambe le gambe al Bambin Gesù di Roma. La sua permanenza a Roma sarà di circa 18 mesi. Ha bisogno di una famiglia che la prenda in affidamento, in una casa senza scale, e una rete di persone per accompagnarla in terapia e faccia le notti quando sarà operata.
Grazia ha 6 anni e mezzo e ha un tumore alle ovaie. Sarà operata al Bambin Gesù di Roma, e forse dovrà fare chemioterapia e radioterapia. La sua permanenza prevista è di 10 mesi. Ha bisogno di una famiglia che l'accolga e una rete di persone che la accompagni in terapia e faccia le notti durante l'operazione.
Georgette ha un anno e mezzo ed è idrocefala. Sarà operata al Gemelli. Ha bisogno di una famiglia che l'accolga e una rete di persone che la segua.

Se foste disponibili, fatemi sapere. E spargete la voce tra famiglie disponibili.
Grazie
Stiamo cercando tre famiglie che accolgano ciascuna in affidamento - gestito naturalmente dai servizi sociali - una delle tre bambine, per dare loro un ambiente familiare. Non cerchiamo case famiglia  ma famiglie che vogliono dare calore familiare. Cerchiamo non volontari professionisti (le associazioni di volontariato che operano in ospedale sono ben note, le conosciamo e sappiamo come coinvolgerle), ma persone che assistano queste bambine come degli zii, come dei nonni, chi accompagnandoli alle terapie o chi facccia le notti accanto a loro non come professionisti, ma come familiari. Per il resto, c'è una Onlus che se ne occupa, ci sono i volontari ospedalieri, le ambasciate.. e così via. I soldi a disposizione sono quelli che la Onlus riesce ad ottenere dalle offerte che riceve, anche tramite la nostra parrocchia e null'altro. 
Grazie di ogni possibile aiuto
don Domenico 
don Domenico Vitulli - gaiaspettaespera@tiscali.it,
  
8)        SOS COLLABORATRICE DOMESTICA:

Cara Gaia
Sono Alberto
Ci siamo conosciuti alle cene africane
Ti chiedo aiuto perché siamo alla ricerca di una collaboratrice domestica  a tempo pieno.
La mia famiglia è composta dal sottoscritto da mia moglie e da mia figlia di 24 anni e, soprattutto, dal nostro amato cane IT (uno spring spaniel unico e quasi cieco, come tutti i cani per i loro padroni) ed abitiamo in Corso Trieste.
E’ da noi attualmente  una bravissima  collaboratrice cingalese che è con noi da ormai quasi 3 anni e che, purtroppo per noi ma con tanti auguri per lei, a giugno si sposa e, quindi, torna per sempre in patria.
Il nostro desiderio è poter trovare una persona affabile e seria come lei.
Ti ringrazio molto per quello che potrai fare


                             

 CONDIVIDO 14 febbraio:
EVENTI, ATTVITIVA’, INIZIATIVE A CARATTERE SOLIDALE E/O CULTURALE.  
A SEGUIRE ALCUNE SEGNALAZIONI DI EVENTI, ATTVITIVA’, INIZIATIVE A CARATTERE SOLIDALE E/O CULTURALE. … la vita letta sempre più solidalmente … per imparare a crescere insieme  
BUONA LETTURA: 

FOREVER YOUNG

di Bob Dylan 
Possa Dio benedirti e proteggerti sempre, Possano tutti i tuoi desideri diventare realtà

Possa tu sempre fare qualcosa per gli altri, E lasciare che gli altri facciano qualcosa per te
Possa tu costruire una scala verso le stelle, E salirne ogni gradino
Possa tu restare per sempre giovane
Per sempre giovane per sempre giovane, Possa tu restare per sempre giovane

Possa tu crescere per essere giusto, Possa tu crescere per essere sincero
Possa tu conoscere sempre la verità, E vedere le luci che ti circondano
Possa tu essere sempre coraggioso, Stare eretto e forte
E possa tu restare per sempre giovane
Per sempre giovane per sempre giovane, Possa tu restare per sempre giovane

Possano le tue mani essere sempre occupate, Possa il tuo piede essere sempre svelto
Possa tu avere delle forti fondamenta, Quando i venti del cambiamento soffiano
Possa il tuo cuore essere sempre gioioso, Possa la tua canzone essere sempre cantata
Possa tu restare per sempre giovane  
Per sempre giovane per sempre giovane, Possa tu restare per sempre giovane



CINEMA&CONSAPEVOLEZZA

ZaLab - http://www.zalab.org/newsite/,

Mare Chiuso e Io sono LI in home video
Dal 1 febbraio 2013 sono finalmente acquistabili online il libro + DVD Mare Chiuso, e il DVD Io sono LI. Restano inoltre disponibili anche il dvd Il sangue verde e il libro+dvd Come un uomo sulla terra. Prezzo speciale per chi acquista due o più titoli! Vai al modulo di acquisto
 

Mare Chiuso di Stefano Liberti e Andrea Segre (ediz. Minimum Fax 2013, 80 pp., 60’). Il cofanetto contiene un libro di approfondimento degli autori, degli attivisti e dei legali impegnati nel cercare giustizia per le vittime dei respingimenti. Contenuto extra del DVD: I Nostri Anni Migliori di Matteo Calore e Stefano Collizzolli (45’ - Italia 2011) prezzo di copertina 13 €.

Io Sono LI di Andrea Segre, (Italia 2011, 100’), con Rade Sherbedgia, Zhao Tao, Marco Paolini, Roberto Citran, Giuseppe Battiston,prodotto da Jole Film e Aeternam Film, distribuito da Rai Cinema, prezzo 13 €

Io Sono Li
26 febbraio, Pisa, Istituto Confucio (sarà presente l’autore)
28 febbraio, Zagarolo, Cinefilanti
Calendario completo di Io Sono LI

Italy: love it or leave it
26 febbraio, Bologna, Cinema Europa
Calendario completo di Italy: love it or leave it

Mare Chiuso
18 febbraio, Follonica (GR), a cura del Comune di Follonica
Calendario completo di Mare Chiuso

Schegge di ZA - Caponero Capobianco
25 febbraio, Milano, Cinema Mexico (con Vol spècial) 
In Nome del Popolo Italiano 
16 febbraio, Cupra Marittina (AP), 
Caponero Capobianco , In nome del popolo italiano           


SOS X MITRA KADIVAR:
Carissimi  avrete già visto che negli ultimi giorni Jacques-
Alain Miller ha personalmente avviato una campagna
di diffusione e di petizione a favore della liberazione della collega psichiatra
iraniana Mitra Kadivar, trattenuta in Ospedale Psichiatrico da tempo,
e sottoposta anche a iniezioni di neurolettici ed a trattamenti di
contenimento. Mitra Kadivar si è formata come psicoanalista nel Campo
freudiano ed ha creato
a Theran, la Freudian Association. Ha bisogno ORA della nostra più
ampia sensibilizzazione di opinione per aderire e far aderire alla
petizione affinché si possa giungere ad una sua liberazione.
Vi ritrasmetto in allegato la lettera di Jacques-Alain Miller, che ho
tradotto e inviato due giorni fa su SLP-Corriere, (<
SLP-Corriere@yahoogroups.com>)
 e VI INVITO FORTEMENTE a firmare a vostra volta la petizione andando al sito http:
//mitra2013.com/ E inoltre di diffondere il più possibile questa
lettera e l’invito a firmare la petizione a tutte le persone, ed anche
personalità illustri, che ciascuno di voi ritiene
sensibili a questa campagna così importante e significativa
Paola Francesconi
Presidente SLP

DONNE E MAFIA

VI SEGNALO lo spettacolo sulla mafia che Simonetta De Nichilo metterà in scena all'auditorium della Cappella Universitaria della Sapienza il 19 e il 23 Febbraio. Simonetta ha trascorso un mese in Calabria, ha incontrato alcuni amici del movimento "Reggio non tace" di Reggio Calabria e, dopo aver letto e studiato, si è confrontata con Salvo Collura S.J.
Vi ringrazio se potrete dare massima diffusione e... vi aspetto!
Costo del biglietto € 7,00
Per INFO e prenotazioni donnemafia@gmail.com,
ingresso p.zza Alado Moro 1

Voci di donne, ragazze, madri che raccontano le loro storie e trasportano in un viaggio nel tempo e nei luoghi che hanno visto la nascita del fenomeno mafioso.
Lo spettacolo vuole essere un’ocasione per i ragazzi per conoscere il fenomeno mafia e aiutarli a formarsi una coscienza critica per essere più liberi.
E’ un invito alla consapevolezza: ognuno di noi può contribuire, nel ruolo che riveste, ad indebolire la mentalità di cui si nutre la mafia.
Perché c’è una linea sottile tra il mafioso e l’uomo libero: si chiama SCELTA  espetta a noi


MARATONA SOLIDALE:

Cari Amici,

vorrei condividere con voi un progetto ambizioso in un'occasione davvero speciale: la Maratona di Roma 2013!. 
Cliccate qui per saperne di piu’ e sostenere l' iniziativa di solidarietà per la Clinica che la nostra ONLUS ha realizzato nello SWAZILAND (Africa del Sud).
Grazie in anticipo e un abbraccio a tutti.
Mario
Mario - 


CHITARRA CLASSICA &  SOLIDARIETA’:

Carissimi/e tutti/e

vi allego l'invito al concerto di beneficenza che un mio carissimo amico,
Pier Luigi Ventura, terrà sabato 16 febbraio alle 21 nella chiesa di S.
 
Giovanni a Porta Latina;
SCOPO DELLA SERATA E' RACCOGLIERE FONDI (donazioni libere) DA DESTINARA ALLA COMUNITA' DE NINOS SAGRADA FAMILIA di Lima, Perù
Pier Luigi, oltre ad essere un bravo chitarrista, è
un bravo divulgatore, nel senso che illustra ogni pezzo che esegue con
informazioni sulla vita del compositore e dello stile musicale che
rappresenta, rendendone ancora più godibile l'ascolto.



CAMPI ESTIVI DI VOLONTARIATO:
 
LEGA MISSIONARIA STUDENTI
La LMS è un movimento giovanile di impegno cristiano per lo sviluppo e il rispetto delle culture, associato al MAGIS, ONG che raggruppa tutte le associazioni e le opere di cooperazione internazionale facenti riferimento alla Compagnia di Gesù. Del MAGIS è divenuta la sezione che cura la formazione al volontariato. 
Il movimento si presenta strutturalmente come una federazione di gruppi o di comunità presenti sul territorio nazionale italiano (Roma, Napoli, Palermo, Torino, Genova, Milano, Bologna, Padova e altre città). 

La LMS coopera con le altre associazioni terzomondiste della Compagnia di Gesù quali il Jesuit Refugee Service (J.R.S.), il Jesuit European Volunteers (J.E.V.), e il Gruppo India. 
Attraverso i vari gemellaggi e progetti opera in Bosnia, Perù e Sri Lanka con ilProgetto “Speranza” e in 
Romania con i Progetti “Speranza” eQuadrifoglio”. 
E’ ovviamente attiva anche in Italia, nelle diverse realtà territoriali d’appartenenza, negli ambiti delle marginalità e del disagio sociale, rispondendo a particolari emergenze di carattere nazionale. 

Questi gli Organi Nazionali, previsti dal Manifesto della LMS: 
- Assistente Ecclesiastico (p. Massimo Nevola S.J.) 
- Presidente Nazionale (Leonardo Becchetti) 
- Consiglio Nazionale (Organo rappresentativo di tutte le realtà locali) 
- Segreteria Nazionale 

La LMS pubblica la rivista mensile Gentes. 
Per comunicare con la segreteria nazionale: legamissionaria@gmail.com - gentes.lms@gesuiti.it
PROPOSTE DI CAMPI ESTIVI 2013, CLICCARE SUL,
LINK A SEGUIRE


CRISI: A CHE PUNTO SIAMO?

Workshop  -  mercoledi' 20 febbraio 2013 dalle ore 18,00 alle ore 20,00 in Roma,   sala riunioni al secondo piano della sede UNAR in Roma, via Ulisse Aldrovandi n. 16, sul tema:
CRISI: A CHE PUNTO SIAMO? (Origini, Evoluzione, Proposte )
Programma
Ore 18,00 Registrazione dei partecipanti
Ore 18,30Relazioni:
Dott.ssa Maria Grazia De Angelis, presidente AISL_O
Avv. Maurizio Cerchiara, vice presidente vicario AISL_O, presidente Consulegit
Ing. Stefano Lanzuolo, vice presidente AISL_O, docente Master Facolta' di Economia, Universita' La Sapienza di Roma.
Ore 19,30 Interventi liberi / dibattito / domande del pubblico e risposte dei relatori
Ore 20,00Aperitivo

I posti sono limitati ed e' necessario comunicare la propria partecipazione all'evento a info@aislonline.org, . In caso di esaurimento dei posti disponibili verra' data comunicazione agli interessati, altrimenti le richieste via e-mail si considereranno tacitamente accettate. Dopo l'incontro verra' offerto un aperitivo; all'ingresso sara' richiesta una quota di 5,00 Euro come contributo alle spese del rinfresco.

 (La sala al secondo piano e' raggiungibile in caso di necessita' con l'ascensore cui si accede dal civico 16/b).

INFINE:
sono ancora aperte le iscrizioni al corso di formazione AISL_O Metodologia e strumenti di valutazione per lo stress lavoro-correlato e il mobbing riservato agli psicologi, che si svolgera' a Roma dal 22 al 24 febbraio 2013. Per informazioni scrivere a:info@aislonline.org


DESTINATION WEST AFRICA

INCONTRO TRA LE PERIFERIE DEL MONDO
22-23-24 Marzo 2013
L'appuntamento con l'Africa più importante della stagione. Tre giorni all'insegna della diffusione della cultura africana in un viaggio metaforico che unisce le periferie del mondo.
Tre giorni con una conferenza, un’esposizione su Thomas Sankara, stage di percussioni e danza africana ed un imperdibile concerto: 8 artisti che formano l’ensemble Wamali Percussion, ambasciatori dell’arte africana in Europa, che ci accompagneranno alla scoperta di questo continente attraverso la musica e la danza:


EQUOCIQUA’: BOMBONIERE SOLIDALI:
Gentili amiche e amici,
febbraio sarà il mese di “Emozioni Solidali”, dedicato a chi si prepara a celebrare un momento speciale.  Presso la vostra bottega di Via degli Ombrellari, 2 dal 9 al 23 febbraio sarà possibile vedere ed ordinare in anteprima le nuove bomboniere Altromercato 2013 e ricevere idee, consigli e informazioni sui prodotti e sui produttori che, con abilità e cura, realizzano uno ad uno questi pezzi unici.
La nuova collezione, con proposte per matrimonio, battesimo, comunione, cresima e laurea, è pensata sia per chi predilige materiali naturali Tutte le proposte sono fatte a mano e realizzate nel rispetto delle tradizioni artigianali. E, soprattutto, raccontano di diritti e solidarietà.
In bottega troverete inoltre in degustazione gli ottimi confetti del commercio equo, in tre diverse varianti, e servizi aggiuntivi riservati agli sposi: scrittura manuale delle partecipazioni, liste di nozze (anche con gestione online). Sul sito la pagina dedicata è: http://www.equociqua.it/bottega/bomboniere.shtm.  Informazioni:             06 6896177      .
Vi aspettiamo!
               Equociquà! - borgo@equociqua.it - www.equociqua.it 
 
UOVA DI PASQUA SOLIDALI

Acquistando le uova di cioccolata dal Rotary Club Roma Cassia
contribuirete alla raccolta fondi per il Progetto 
“Bambini di Strada”
Le uova di cioccolato, al latte o fondente, pesano 500 grammi e sono vendute al prezzo unitario di € 12,00. Le uova vanno prenotate presso la Segreteria del Rotary Club Roma Cassia entro venerdì 15 febbraio e pagate entro il 5 marzo
                              
                        e-mail: gaiaspettaespera@tiscali.it,
  
UOVA DI PASQUA SOLIDALI

Proposta regalo: UOVA DI PASQUA SOLIDALI
prodotte dall'azienda artigianale “Vetusta Nursia”, che conosce la serietà dell'iniziativa e necondivide attivamente il fine benefico; il ricavato sarà devoluto ai progetti solidali delle Case famiglia in Romania e del medico missionario laico Chiara Castellani nellaRepubblica Democratica del Congo.
Importante raccogliere quanto prima le prenotazioni: entro venerdì 8 marzo comunicare quante uova (da 100 o 300 grammi, se fondenti o al latte).
Quelle del peso di 300 grammi, fondenti o al latte, di qualità superiore (sia per percentuale di cacao e/o latte che per qualità degli ingredienti) saranno acquistabili con un’offerta di 11 € l’una, mentre da quest’anno è possibile prenotarne anche da 100 grammi (offerta 5 €); le uova verranno distribuite nei giorni successivi, con modalità e tempi che verranno comunicati in un secondo tempo.
Per ulteriori informazioni:
Maria Concetta -gaiaspettaespera@tiscali.it,
  
TEATRO – L’ARCHIVIO
  
Claudio Morici ritorna a scrivere, dirigere e interpretare un nuovo e intenso testo teatrale.
Dal 12 al 17 febbraio 2013 al Teatro dell'Orologio di Roma è in scena: L'Archivio interpretato da:
Nanni Candelari, Fabio Chi, Corrado Scalia, Claudio Morici e la partecipazione diBeatrice Fazi
scene: Cinzia Lo Fazio
costumi: Carlotta Polidori
foto di scena: Cristian Gennari
ufficio stampa: Rocchina Ceglia
In seguito ad una rapina fallita, tre uomini in fuga nei sotterranei della città  finiscono in un luogo dove il tempo sembra essere sospeso. Un' immensa, antica libreria; un labirinto di scaffali e libri misteriosi. Una vera e propria città  sotterranea fatta solo di pagine scritte: L' Archivio
Ma è davvero un caso che i tre uomini siano capitati in quel luogo? Cos'è esattamente quel posto? Cosa contengono le pagine di quei libri e chi li ha scritti? Chi sono gli strani personaggi che abitano quei labirinti sotterranei? Una storia che racconta di storie. Storie che possono cambiare la vita.

IL DESERTO FIORIRA’
  
Sabato 16 febbraio 2013 ore 17.00
Associazione Culturale Jehoshu’a – Abbazia Tre Fontane, Sala Museale
via delle Acque Salvie, 1
In occasione dell’Anno della Fede:
“Il deserto fiorirà”
Ed anche tu, amico dell’ultimo istante, che non saprai quello che fai, si, anche per te voglio dire questo GRAZIE, e questo AD-DIO voluto da te. E che ci sia dato di incontrarci di nuovo, ladroni colmati di gioia, in paradiso, se piace a Dio, Padre nostro, Padre di tutti e due. AMEN! Inch’Allah! (Algeri, 1 dicembre 1993 – Tibhirine 1 gennaio 1994 Cristiano)
Padre Jacques BRIÈRE, Abate dell’Abbazia delle Tre Fontane
farà testimonianza sui martiri del monastero i Nostra Signora dell’Atlas-Tibhirine (Médéa)
Proiezione di alcuni frammenti del film:
“Uomini di Dio”
Letture di:
Antonio FULFARO, Rossella CAVOLO
Introduce: Ciro CIANNI, Ed. Jehoshu’a
Per ulteriori informazioni: Abbazia Tre Fontane  334 3370050     


VISITA CULTURALE


Sabato 16 febbraio 2013 ore 9.30
ingresso Chiesa di Santa Susanna, via XX Settembre, 14

visita storico/teologica e artistica a Santa Susanna,
San Carlino alle Quattro Fontane e Sant’Andrea al Quirinale

guidata dalla prof.ssa Beatrice KLAKOWICZ, archeologa e teologa

La visita è aperta a tutti, ma soprattutto a studenti, insegnanti
e appassionati di studi filosofici, teologici e storico/artistici.
Per informazioni ed iscrizioni: ... gaiaspettaespera@tiscali.it,

UN VIDEO DA SOSTENERE

Buongiorno,
per chi volesse/potesse, ho collaborato con mio fratello alla realizzazione di questo piccolo spot per un concorso.
 
Mi aiutereste a promuoverlo e in caso votarlo? Grazie!!! 
(per votare serve iscrizione - rapidissima - oppure tramite profilo Facebook):

http://videofactory.barilla.com/video/43786/La+coppia+perfetta
     
Si può votare per due settimane dal termine di consegna lavori (che era il 2 febbraio) quindi suppongo fino al 17 febbraio,
In ogni caso (IMPORTANTE!!!) tutti possono votare, NON SOLO gli iscritti a Facebook (anzi: non serve cliccare sul MI PIACE di Facebook, ma sotto il video c'è un pulsante che dice VOTA, cliccando lì, se uno non è ancora registrato, si registra e può votare il video).
http://videofactory.barilla.com/video/43786/La+coppia+perfetta

Buona giornata,
Raffaele Magrone
c o p y w r i t e r*
..& clarinettista

www.myspace.com/raffaelemagrone 


INCOTRO DI MEDITAZIONE

Il 20 Febbraio dalle 18.30 alle 20.00 presso l’Associazione Mandala
Incontro aperto sulla Meditazione
L’incontro da inizio a un percorso trimestrale di introduzione alle pratiche meditative, prevalentemente la meditazione Vipassana, ma può essere considerato e frequentato anche come evento a sé.

Per informazioni e prenotazioni si può contattare la segreteria  dell’Associazione Mandala
Indirizzo: Vile dei Quattro Venti 47/a
Tel. 
            06 – 58340122       (lun.ven 16.00-20.00)
email: info@mandala.it
web: www.mandala.it
Il mio contatto personale: 
            339 3794833      

grazie mille
Stefania -
smerzagora@tiscalinet.it,

BAMBINI & SUPER EROI
 cari genitori,
vi ricordo che sabato 16 si terrà il laboratorio di Agnese Ricchi 
"Portrait of a Superhero_#2: Hulk"
Prendendo spunto dalla precedente esperienza di attrice teatrale, i laboratori di questa artista visuale sono vere full immersion nel personaggio da rappresentare. Ai bambini sarà proposto un Super Eroe attraverso un montaggio audio/video di musiche e brani di film e cartoon che stimolerà il loro interesse e la loro immaginazione senza dargli un’idea definita e definitiva del personaggio. Saranno loro, attraverso il disegno, e la pittura a caratterizzare questi personaggi e le loro “gesta”. Al termine di questo ciclo di laboratori, i lavori dei bambini saranno trasformati dall'artista in giganteschi collage monografici sui supereroi, a dimostrazione che” l’io”- super o normale che sia - è la somma di molti punti di vista diversi. I collage saranno esposti in galleria al finissage dell’edizione 2012-2013 di tre colori sul comò. 
età consigliata:3-6 anni costo del laboratorio: 25€ 
durata: 90 minuti circa
dalle 10,30 presso MuGa Multimedia Gallery, via Giulia 108 (il sabato mattina la ztl non è attiva); non è richiesta la presenza di un adulto.
I corsi sono a numero chiuso e su esclusiva prenotazione. per info e prenotazioni: muga@muga.it,
-- 
G i o r g i a  B o r r e l l o            
MuGa_Multimedia Gallery
Via Giulia 108, 00186_Roma
mobile:  
           (+39) 339 39 65 020      
studio:  
           (+39) 06 45 54 04 84       
w w w . m u g a . i t

PETER PAN ONLUS& STANHOME
Ciao a tutti,
ho saputo che l'associazione Peter Pan, l'associazione che si occupa dell'accoglienza delle famiglie dei bambini onco-ematologici presso l'ospedale Bambino Gesù, sta raccogliendo fondi per ristrutturare una delle case adibite all'accoglienza delle famiglie. 
La STANHOME ha messo in promozione un suo prodotto storico, l'AQUILAUN, per devolvere all'associazione Peter Pan il ricavato. L'Aquilaun in promozione costa euro 9,90, ho pensato di diffondere questa informazione per dare il nostro piccolo contributo per questo importante progetto. Che ne dite? Aiutatemi a diffondere la notizie, posso ricevere ordini entro il 17 febbraio e, sono sicura che insieme riusciremo a raggiungere un ottimo risultato. Grazie e buon fine settimana.
Un abbraccio
  
CENTRO CULTURALE RUAH ACTION
Roma, VIA RASELLA 54 (ingresso libero fino ad esaurimento posti )

Venerdi  15 FEBBRAIO ore 18.30
Spazio Bibbia
Il Cantico dei Cantici di Salomone Introduce e commenta Mons. Marco Frisina (Biblista e musicista)
Lo sposo Luca Lionello- (Attore)
La Sposa Cinzia Carrea- (Attrice) 
Segue Happy Hour con i cibi della Bibbia e  vini selezionati da Luca Maroni ( solo tesserati - 10 euro) 
Sabato  16  FEBBRAIO ore 19.00
Spazio Wine Food  & Movie
“Spaghetti in celluloide”
 Rassegna di Films 
(Miseria e nobilità-Spaghetti House-Un americano a Roma-Hanno rubato un tram- La mazzetta…)
 a cura del critico cinematografico Catello Masullo.
Segue Wine & Food-  Spaghetti (Ristorante Albrecht) & Vini selezionati da Luca Maroni ( solo tesserati- 10 euro)

Info:336.863610


LE CONVERSAZIONI DEL VENERDI
                   
         22 febbraio 2013 ore 21.30- Libreria Officina Lithos, Via Vigevano 2 – Roma

Il Centro Studi Psicologia e Letteratura
                      fondato da Aldo Carotenuto presenta:
Mondi invisibili. Frontiere della psicologia trans personale -  di Virginia Salles

Un viaggio coinvolgente e fascinoso attraverso luoghi della psiche poco conosciuti, un itinerario che oscilla tra coscienza quotidiana e stati di coscienza non ordinaria che la cultura scientifica fatica ad integrare. Mondi invisibili, frontiere della psicologia traspersonale di Virginia Salles è una sintesi del lavo-ro svolto dall’autrice e rappresenta il punto di incontro di una lettura a più livelli, integrata nell’orizzonte della psicologia del profondo.
La parola spiritualità viene spesso menzionata nel corso del testo, ed è questo uno dei contributi più significativi di questo libro: tutti gli esseri umani, a prescindere dalla presenza o meno di un contesto religioso nella loro vita, possono riconoscere l’esigenza di un rapporto con la dimensione del sacro come parte profonda del Sè. (dalla prefazione di Maria Fiorentino).
Presentano il libro: Maria Fiorentino, Marina Settembre e Giorgio Antonelli

Virginia Salles (sito web: www.virginiasalles.it), nata a Bahia, Brasile ha studiato psicologia a Roma, deve vive e lavora. Psicoterapeuta individuale e di gruppo, di formazione junghiana è specializzata in psicologia transpersonale e respirazione olotropica con Stanislav Grof. E’ autrice del libro Agua scura edito da Di Renzo Editore, 2005, e di numerosi articoli sulla psicologia analitica e transpersonale.
  
                                 www.centrostudipsicologiaeletteratura.org 


CONSAPEVOLEZZA&SOLIDARIETA’
Una cittadinanza consapevole è una cittadinanza più solidale.

ME LO MERITO
La Regione Lazio, anche per l’anno 2013, promuove agevolazioni tariffarie per l’uso dei mezzi pubblici per i giovani attraverso l’iniziativa “Me lo Merito”.   A partire dal 25.01.2013 è possibile effettuare l'accesso al Sistema Melomerito per la compilazione della richiesta o per il rinnovo dell'agevolazione da parte degli utenti. L’amministrazione comunale svolge il compito di ricevere la documentazione comprovante i requisiti richiesti per poi confermare e validare le domande. 
Come nella precedente campagna, anche per l'anno 2013 il termine ultimo per la registrazione e l' inserimento della richiesta nel sistema MeloMerito e' il 31 Marzo prossimo. Atteso che l'ultima lista degli aventi diritto verra' generata il giorno 16 aprile alle ore 13, le richieste inserite potranno essere lavorate dagli operatori fino al 15 del mese di aprile.

Nessun commento:

Posta un commento

mi chiamo Futuro ... tu come ti chiami ?

mi chiamo Futuro ... tu come ti chiami ?
Dio mi liberi dalla saggezza che non piange, dalla filosofia che non ride e dall'orgoglio che non s'inchina davanti ad un bambino" (K. Gibran) - "Forse ha ragione il gesuita p.John Haughey quando afferma :”Noi occidentali leggiamo il vangelo come se non avessimo soldi e usiamo i soldi come se non conoscessimo nulla del Vangelo" (Alex Zanotelli)

FORSE NON TUTTI SANNO CHE:

1) Mangiare, Dormire, Lavarsi ... è x tutti
sul sito della Comunità di S. Egidio è possibile "sfogliare" guide solidali che informano sulle realtà CITTADINE disponibili a sostenere chi si trovi in difficoltà

http://www.santegidio.org/index.php?&pageID=228

2) Legalità è Solidarietà
I grandissimi "piccoli" numeri delle "mafie" da una parte
e dall'altra i piccoli "grandissimi" numeri di chi quotidianamente tesse scelte solidali e cultura legale per contrastarle: sapere è potere, sapere è vedere video come quello presentato dalla trasmissione "La Storia siamo Noi"

SOLIDARIETA' E AMBIENTE

ACQUA, un popolo di spreconi

ACQUA, un popolo di spreconi

Un popolo di spreconi.

Ne consumiamo ogni giorno più di 250 litri a testa, più di ogni altra nazione europea.

Non siamo i più puliti, ma solo i più spreconi.



Ogni giorno utilizziamo centinaia di litri d’acqua senza prestare molta attenzione; in genere l’atteggiamento più diffuso è quello di pensare che «basta aprire un rubinetto e servirsene a piacere», in realtà le cose non stanno proprio così, è necessario fermarsi a riflettere un attimo per dare il giusto valore ad una risorsa che purtroppo non è infinita.

Senza acqua nessuna forma di vita è possibile, è un bene d’assoluta necessità che diventa sempre più scarso con il passare del tempo per motivi sia di ordine quantitativi (l’acqua oggi a disposizione è pari a circa un terzo di quella disponibile negli anni ‘50 e tra cinquanta anni sarà ulteriormente dimezzata), sia qualitativi (per ogni litro d’acqua potabile, almeno otto risultano contaminati dall’attività umana).

Gli effetti di questa situazione sono sotto gli occhi di tutti: casi crescenti di razionamento idrico; il consumo di acqua minerale o filtrata diventato quasi un obbligo; lievitazione del costo dell’acqua potabile ecc.

Se poi allarghiamo lo sguardo a livello mondiale, il panorama diventa ancora più preoccupante: circa un miliardo e mezzo di persone non dispongono di acqua potabile.

Di fronte ad un quadro tutt’altro che roseo, oltre ad avvicinarsi al rubinetto con maggiore rispetto, diventa importante porsi il problema di come contribuire in prima persona a migliorare la situazione.

D’altra parte, un uso più appropriato dell’acqua non fa bene solo all’ambiente, ma anche al portafogli e con molta probabilità anche alla pace tra i popoli, perché sono oramai numerosi gli analisti politici che individuano nella carenza d’acqua uno dei possibili motivi di conflitto armato tra i paesi.

Che fare?

Per eliminare gli sprechi idrici si può agire su tre fronti: -Ridurre i consumi d’acqua, in modo da erodere il meno possibile questa preziosa risorsa e contrarre l’impatto ambientale (produrre, trasportare e smaltire acqua potabile richiede energia e produce inquinamento). -Contrarre l’impiego di additivi per ridurre l’inquinamento dell’acqua, della natura e dell’ambiente domestico. -Diminuire il consumo energetico per scaldare e distribuire l’acqua al fine di ridurre l’inquinamento ambientale e il consumo di energia fossile. Per raggiungere questi obiettivi è necessario intervenire sia a livello degli stili di vita, modificando alcune abitudini radicate nel tempo, sia a livello di impiantistica, utilizzando apparecchiature progettate con particolare attenzione al risparmio idrico ed energetico per garantire un’efficacia uguale o superiore rispetto ai dispositivi convenzionali. Spesso si tratta di mettere mano al portafogli, ma il più delle volte il risparmio che deriva dall’uso di tali dispositivi ripaga in poco tempo la spesa affrontata per il loro acquisto. Il massimo dei risultati si ottiene quando entrambe queste strategie, cioè modifica delle abitudini e nuova impiantistica, sono adottate insieme. Vediamo ora in dettaglio le varie soluzion possibili.

Riduzione dei consumi

Iniziamo dalla tipologia di utilizzo che impatta maggiormente per poi passare alla seconda e così via prendendo come riferimento il diagram-ma a torta (vedi il grafico ripartizione dei consumi domestici), in altre parole guardiamolo con occhi famelici e gettiamoci a capofitto sulla fetta più grossa per poi passare a quella di dimensioni immediatamente inferiori e cosi via!

  • Docce e bagni.
  • La doccia presenta un minor consumo d’acqua, rispetto al bagno, soprattutto se si tiene l’acqua aperta solo quando serve.
    Inoltre è possibile adottare docce a risparmio energetico, in grado di ridurre i consumi oltre il 70%. In termini pratici, considerando una doc-cia al giorno si possono risparmiare in un anno oltre 50.000 litri d’acqua e diverse centinaia di euro.
    La cosa importante è di utilizzare docce che non si limitino a ridurre il consumo d’acqua (allora tanto vale non aprire totalmente il rubinetto, con il risultato che s’impiega più tempo a lavarsi e si consuma lo stesso quantitativo di acqua), ma sfruttino in maniera più intelligente l’acqua, garantendo un elevato potere lavante a fronte di minori consumi.
    Vi sono inoltre vantaggi secondari interessanti: nel caso di boiler elettrico, più persone riescono a fare la doccia consecutivamente e minori sono i cali di portata per gli altri utenti, l’unico rovescio della medaglia è che, passando meno acqua nei tubi, si deve attendere più tempo l’arrivo dell’acqua calda.

  • Lavaggio stoviglie e biancheria.
  • Nel caso in cui si utilizzino lavatrici o lavastoviglie è bene farle girare sempre a pieno carico; nel caso dei lavaggi a mano evitare l’uso d’acqua corrente e preferire l’acqua raccolta in un lavabo o in una bacinella.
    Sempre per ridurre gli sprechi, non lasciate diventare vecchio lo sporco dei piatti e le macchie ostiche dei tessuti perché richiedono un lavaggio più impegnativo sia da un punto di vista chimico (detersivi) sia energetico (tempi e temperature più elevate); lavare separatamente i pezzi a seconda del grado di sporco.
    Molti si chiederanno: si consuma più acqua, energia e detersivi lavando a mano o a macchina?
    Per rispondere in maniera corretta a questa domanda è necessario conoscere due fattori: grado di riempimento ed «economicità» della macchina da una parte e capacità di lavaggio manuale dall’altra.
    Comunque alcuni studi in materia hanno dimostrato che per lavare lo stesso quantitativo di stoviglie, pari ad un carico intero di una lavapiatti, mediamente si consumano 80 litri d’acqua se lavati a mano; 60 se lavati a macchina; 12 litri nel caso di apparecchi ad elevata efficienza, i quali oltre al risparmio d’acqua consentono una notevole contrazione dei consumi di detersivi ed energia.

  • Vaschette del WC.
  • Le vaschette tradizionali, in genere contengono circa 24 litri, un volume d’acqua tale da permettere una buona azione lavante nel caso di presenze solide…, ma eccessivamente elevata nel caso di rifiuti liquidi.
    Mediamente, con tali sciacquoni si ha un consumo giornaliero di circa 100 litri a persona, in gran parte sprecati.
    Più efficienti sono le vaschette a due mandate, una da 3 e l’altra da 6 litri, grazie alle quali il consumo giornaliero, a parità di funzione, scende a 15 litri d’acqua.
    Se utilizzate in maniera corretta, ossia schiacciando il tasto giusto al momento giusto, con le vaschette a doppia mandata si arriva a risparmiare circa 17.000 litri d’acqua l’anno a persona.
    Quando non si hanno a disposizione vaschette ad hoc, è possibile modificare i tradizionali cassonetti introducendo dei pesi che permettono di ottenere le stesse prestazioni.
    Un altro metodo è di inserire nella vaschetta un mattone o più semplicemente una bottiglia piena d’acqua.
    In quest’ultimo caso si risparmia molta acqua, ma si riduce anche la quantità disponibile per ogni scarico con l’inconveniente di ridurre l’azione lavante.

  • Rubinetti.
  • Vanno aperti solo quando serve e tenuti chiusi mentre ci si insapona o ci si lava i denti; analogamente per lavare la frutta e la verdura è sufficiente usare acqua raccolta in una bacinella e non quella corrente.
    Per dare un’idea concreta di quanto questi gesti quotidiani possano far variare notevolmente il livello dei consumi idrici, analizziamo in dettaglio cosa accade durante il lavaggio dei denti: tenendo aperto il rubinetto per tutto il periodo di pulizia, si arriva a consumare 10.000 litri l’anno a persona; quando il rubinetto viene aperto solo per il risciacquo il consumo d’acqua si riduce a 1600; se poi invece dell’acqua corrente si utilizza quella contenuta in un bicchiere, si arriva a non più di 200 litri d’acqua l’anno!
    Un bel risparmio, vero?
    Per quanto concerne interventi di tipo impiantistico, è possibile sostituire i normali filtrini dei rubinetti (quelli che ogni tanto dobbiamo pulire dal calcare e da altre sporcizie) con dei modelli risparmio energetico (aeratori).
    Come per le docce vale il discorso di acquistare dei modelli che non si limitino a ridurre la portata dell’acqua, ma che producano un getto di eguale capacità lavante con consumi inferiori.

  • Perdite dalle guarnizioni.
  • L’acqua, che a causa di perdite delle guarnizioni gocciola dai rubinetti o dallo sciacquone, sembra poca cosa, ma essendo continuativo, anche il semplice gocciolamento comporta uno spreco inutile di migliaia di litri d’acqua (e di euro).
    Nel caso in cui l’impianto è dotato di accumuli dell’acqua calda, come ad esempio i boiler elettrici, oltre al consumo d’acqua le perdite idriche si tramutano anche in uno spreco d’energia elettrica.
    È pertanto consigliabile di sostituire immediatamente le guarnizioni danneggiate.

  • Ridurre l’Impiego di Additivi
  • Tutti i detergenti, compresi quelli ecologici, comportano un impatto ambientale per la loro produzione, il trasporto e lo smaltimento.
    Inoltre, soprattutto nel caso di detergenti convenzionali, si ha una liberazione di residui tossici nell’ambiente che poi vengono assimilati attraverso la respirazione, la pelle e il consumo di alimenti.
    Ecco perché è bene ridurre al minimo l’impiego di detergenti e detersivi e in ogni caso preferire i prodotti ecologici.
    Ma cosa c’entrano i detersivi con l’acqua?
    È molto semplice: in tutti i processi di pulizia viene utilizzata l’acqua come diluente che, se usata in modo intelligente, riserva ottime sorprese!
    Per il lavaggio di stoviglie e del bucato è possibile trattare energicamente l’acqua con opportuni dispositivi da applicare direttamente alle condotte dell’acqua o direttamente nelle macchine da lavare o sotto forma di additivi, ottenendo circa un dimezzamento dei consumi dei detersivi.
    Per quanto concerne la pulizia delle superfici è consigliabile impiegare dei panni in microfibra dove l’azione chimica degli additivi è completamente sostituita dall’azione meccanica, ossia si pulisce e si sgrassa unicamente utilizzando l’acqua.
    Ma anche in questo caso, per non avere risultati deludenti, è necessario scegliere prodotti d’elevata qualità.

  • Combattere il Calcare
  • Il calcare è ben noto per la tendenza a creare incrostazioni, assai difficili da rimuovere da box doccia, lavelli e rubinetteria in generale; ma i maggiori inconvenienti, il calcare li crea all’interno dell’impianto idraulico, ossia nelle condutture e, soprattutto, nei generatori d’acqua calda (elettrici o a gas).
    Tali depositi creano due tipi di barriere: una termica e una fisica.
    La prima si traduce in un maggior consumo di energia per nulla trascurabile, infatti, per ogni millimetro di deposito di calcare nei tubi, si registra un aumento dei consumi elettrici di circa il 10% e siccome lo strato accumulato in un generatore d’acqua calda può diventare molto spesso, nel tempo, i consumi possono crescere vertiginosamente.
    Analogamente, lo strato di calcare crea anche una barriera fisica al passaggio dell’acqua che, nel caso d’impianto dotato di autoclave, fa anch’esso aumentare i consumi di elettricità.
    Infine va detto che il calcare sollecita maggiormente l’impianto idraulico riducendone la durata.
    Una verifica della presenza di calcare all’interno dei tubi può essere realizzata con una semplice prova.
    Aprite al massimo il rubinetto dell’acqua fredda e notate la portata; dopo qualche istante ripetete la stessa cosa con il rubinetto dell’acqua calda.
    La minore portata dell’acqua calda è essenzialmente dovuta alle incrostazioni di calcare presenti nel generatore di calore!
    Le soluzioni utili per vincere il calcare si dividono in due categorie: trattamenti in grado di inibire il potere di coesione del calcare che, pur continuando ad essere presente nell’acqua, non è più in grado di for-mare incrostazioni; trattamenti di rimozione del calcare dall’acqua.

Ecologia Domestica

Del primo gruppo fanno parte i trattamenti energetici dell’acqua, i catalizzatori ceramici e i campi magnetici.

I primi uniscono le proprietà anticalcare alla riduzione dei consumi di detersivi ed all’eliminazione del problema della formazione della ruggine (molti modelli possono essere installati senza ricorrere all’idraulico).

I catalizzatori ceramici sono estremamente efficaci, ma richiedono un intervento impiantistico così come i dispositivi basati sull’effetto dei campi magnetici.

Tra i dispositivi che operano la rimozione parziale del calcare dall’acqua vi sono gli addolcitori, il cui impiego richiede periodicamente l’aggiunta di sale e un’accurata manutenzione.
Inoltre, sia l’installazione che la manutenzione richiede l’intervento di tecnici specializzati.

LENTE D'INGRANDIMENTO


Stop alla droga? Diciamolo in piazza

di Francesca Sironi - marzo 2013

Parlare di cocaina nei luoghi in cui viene venduta, per sottrarli agli spacciatori e resituirli, almeno per un giorno, alla legalità. Un'occupazione lettaria itinerante, in giro per l'Italia, da Roma a Scampia, da Palermo a Milano. Ecco il progetto 'Tira dritto', nato dall'idea del giornalista di Repubblica Paolo Berizzi


Occupare i fortini della droga. Usando solo la forza della parola. Restituendo, almeno per un giorno, le principali piazze di spaccio d'Italia alla legalità. E' l'obiettivo di "Tira dritto - Stop Cocaina", una campagna ideata dal giornalista Paolo Berizzi e sostenuta dal dipartimento delle politiche antidroga alla Presidenza del consiglio dei ministri. Un'iniziativa a tappe che inizierà mercoledì 27 marzo a Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma: «Questi sono luoghi dove centinaia di famiglie vivono spacciando cocaina. Noi vogliamo portare per un pomeriggio le istituzioni, gli esperti, i magistrati e dei testimonial a parlare delle conseguenze dell'uso e della vendita della "regina" delle droghe», spiega Berizzi.

Gli incontri non saranno paludate conferenze ospitate in qualche sala comunale, ma dibattiti all'aperto, per strada: «Si chiamano "Talkstreet" ed è la prima volta che il tema della droga sarà affrontato in questo modo, in Italia. Pensavo fosse un'idea folle, ma molti l'hanno sostenuta».

Berizzi, autore con Antonello Zappadu del libro "La Bamba", in cui ricostruisce il percorso della coca dalle piantagioni colombiane alle vie di Milano, porterà con sé magistrati ed esperti ma anche attori, registi, cantanti. Fra i volti noti ci saranno quelli di Pierfrancesco Favino, Daniele Silvestri, Marco Giallini, Kasia Smutniak, Matteo Garrone: «Ognuno di loro racconterà la sua esperienza, condividerà delle riflessioni sul problema della cocaina. Avere dei testimonial è importante: andremo in quartieri dove sono conosciuti, e questa sarà magari la scusa per portare la gente in piazza».

Gli scambi di parole saranno brevi, promette Berizzi: «Quello che ci interessa veramente è ascoltare gli abitanti dei quartieri. Sentire da loro cosa significa vivere in mezzo alla droga». Niente palco, tendoni o inviti: tutto avverrà per strada, sui marciapiedi, fra le panchine dei parchi pubblici. A moderare gli interventi sarà sempre Elsa di Gati, giornalista di Rai3. La promozione dell'iniziativa sarà fatta sul territorio, dalle associazioni locali: «L'incontro di Roma è promosso con Villa Maraini, che da 40 anni aiuta i tossicodipendenti. Al dibattito interverrà anche il fondatore della comunità, Massimo Barra, un uomo che vive in trincea da tutta la vita».

Per Berizzi i Talkstreet, 15 in tutta Italia, che andranno dallo Zen di Palermo a Corso Como a Milano, dal quartiere Japigia di Bari a Porta Palazzo a Torino, saranno un modo per «occupare» le piazze di spaccio. Una parola forte, "occupare", che spiega così: «Vogliamo portare le istituzioni in mezzo alla gente che tutti i giorni vive a contatto con la cocaina. Vogliamo scendere per strada, non fermarci a una carovana simbolica. Andare nelle piazze di spaccio ci permetterà di dare un segnale forte, usando semplicemente le parole». Le reazioni potrebbero essere diverse: «Dove potremo, dove avremo le carte, le sentenze, faremo i nomi dei signori della droga locali. Ci rivolgeremo anche a loro, alle loro famiglie, nel loro territorio. Non potremmo dare un segnale più forte di questo. Le reazioni potranno essere negative o positive, purché ci siano». Per una volta, infatti, gli abitanti potranno essere protagonisti, non animali da zoo dietro le telecamere né vittime di un gioco più grande di loro: «Non saremo dei meri registratori. Tutto ciò che ci diranno servirà a giornalisti e magistrati per capire meglio il mondo della cocaina, anche dal loro punto di vista».

I contesti saranno ovviamente diversi. Dal degrado di Scampia alle luccicanti vetrine del centro di Firenze o di Bologna. Anche i discorsi cambieranno, col contesto, ma l'obiettivo rimarrà sempre lo stesso: «Accendere i riflettori». Ogni due o tre settimane, a partire dal prossimo 27 marzo, la campagna si sposterà in giro per l'Italia. Sperando di lasciare un segno contro il business della cocaina, che continua ad arricchire le mafie e a rovinare la vita di migliaia di persone: «Oggi la cocaina è molto più di quanto si pensi. Influenza i comportamenti, regola e stravolge le dinamiche sociali, la vita delle città. E' sovrana della quotidianità lavorativa, dai muratori ai parlamentari, dai piloti ai manager, dagli autisti ai chirurghi. Imbianca i licei e le università e incipria i nasi di consumatori sempre più giovani», scrive Berizzi sul sito: «Basterebbe una boccata d'aria pura, una sniffata di libertà, un'indigestione di fiducia, una volta, per un pomeriggio, magari un'ora, per ricordarsi come ci si sente bene padroni di noi stessi»
.

SOLIDARIETA' E CONSUMI

L’economia solidale

è, prima di tutto, un atteggiamento da cui derivano dei comportamenti che determinano un particolare stile di vita. Non si tratta solo, infatti, di aderire alle formule del commercio equo solidale, ma anche, e soprattutto, di rivoluzionare le nostre abitudini quotidiane: l’economia solidale comprende anche il nostro modo di lavare e lavarsi, ossia la quantità e la qualità di acqua, sapone e detersivi che utilizziamo.

Partire, quindi, dalle piccole cose, dalle attività quotidiane che, alla fin fine, costituiscono, in termini di tempo d’esecuzione, una porzione molto ampia di ogni nostra giornata. Limitare i consumi, specie d’acqua, evitare gli sprechi, cooperare con gli altri, sostituire la moda dell’ “usa e getta” con quella del recupero, utilizzare prodotti ecocompatibili, utilizzare l’automobile solo in casi di estrema necessità, impegnarsi a non inquinare, scambiare (tipo libri, cd, attrezzi, ecc.) per evitare di acquistare, sono alcuni imperativi per uno stile di vita un po’ più sobrio.

Zucchero equo-solidale

La nostra società si basa su un flusso continuo di merci e prodotti, e per questo viene definita consumistica. E, certamente, per cambiare le cose occorre intervenire (interferire) su questi automatismi.

Potremmo abbozzare una sorta di decalogo: compra leggero (ovvero prodotti con uno “zaino ecologico” non troppo pesante); compra durevole; compra semplice (in genere, gli oggetti più sofisticati sono meno durevoli, più delicati); compra vicino (per ridurre i danni ambientali che ogni trasporto comporta); compra sano; compra più giusto (e qui ci avviciniamo al discorso del commercio equo); compra prudente (a dispetto di normative e regolamentazioni, non è detto che il materiale acquistato non sia nocivo); compra sincero (evitare cioè i prodotti troppo pubblicizzati, dato che la pubblicità ce la paghiamo noi ed è spesso lontana dalla verità); compra mano d’opera (un metodo per aumentare l’occupazione); investi in futuro

INDIRIZZI UTILI

http://www.retelilliput.org/

http://www.utopie.it/http://www.retecosol.org/

http://www.networketico.it/

http://www.volint.it/http://www.zoes.it/

http://www.vita.it/

http://www.nuovomunicipio.org/

http://www.decrescita.it/

http://www.equonomia.it/

http://www.altreconomia.it/

http://www.altroconsumo.it/

http://www.valori.it/



COMMERCIO EQUO SOLIDALE

http://www.assobdm.it/

http://www.altromercato.it/

http://www.equoland.it/

http://www.transfair.it/

http://www.agices.org/

http://www.commercioetico.it/

http://www.equo.it/

http://www.mondosolidale.it/

http://www.cooperativaisola.org/

http://www.equociqua.it/

GAS

http://www.economia-solidale.org/

http://www.retegas.org/



FINANZA ETICA

http://www.bancaetica.com/

http://www.finanza-etica.itt/



TURISMO RESPONSABILE

http://www.aitr.org/

http://www.tures.it/

http://www.viaggiemiraggi.org/

http://www.viaggisolidali.it/

http://www.humanaitalia.org/



BARATTO

http://www.eticambio.it/

http://www.zerorelativo.it/

http://www.barattopoli.com/

http://www.tuttobaratto.it/

http://www.suesu.it/

da Fatti Mail a ... Song-Taaba ONLUS - Africa e Solidarietà

da Fatti Mail, da una mail spedita per chiedere una mano per il Burkina Faso, l'incontro con Padre Jean Ilboudo e la nascita, nel 2008, di Song-Taaba ONLUS.... Song-Taaba incontra Chiara Castellani, il suo Congo ed inizia un'esperienza umana di amicizia e solidarietà ... di conoscenza e consapevolezza ... che fa compiere ogni giorno nuovi passi ... guardando avanti ...

"A salvare veramente l’Africa non saranno i fondi e gli aiuti. Salveranno vite umane, permettendo loro di sopravvivere, ma non salveranno la vita dell’Africa. Cio’ che importa non sono i mezzi, ma le condizioni. Bisogna permettere all’Africa di ricostruirsi. Bisogna aiutarla a ricostruirsi. L’Africa deve essere prima che avere". (Joseph Ki-Zerbo)

L'Africa deve essere prima che avere ...

e come l'Africa, ognuno di noi

La strada dell'essere è quella i cui passi sono domande e la meta non è un dove ma un chi ...

Una strada che lo sguardo lungo e visionario di Padre Jean Ilboudo ha fatto intravedere a tutti noi

Song-Taaba è e vuole essere questo: la possibilità di percorrere questa strada

http://song-taabaonlus.ning.com/

Be Ye Ka Ye?: cosa c'è lì che non c'è qui?

Nulla o forse tutto: la voglia di muoversi, di interrogarsi,
di cercare il valore della vita ...

http://www.youtube.com/watch?v=WQGF1fqEruQ

la vita di Chiara Castellani

http://www.youtube.com/watch?v=HON6FoFUPnI

e di chiunque abbia voglia di vivere la solidarietà ...
se sei fra questi ... contatta:
segreteria@song-taabaonlus.org,


.... x iniziare a guardare l'Africa dal ... lato giusto:
Nel suo docu-film, Silvestro Montanaro, svela un'Africa
consapevole, dignitosa, aperta al futuro, segnata da ferite interne ed esterne,
creativa, saggia. Un' Africa da ascoltare, da capire, da scoprire e da cui
imparare:
http://www.ceraunavolta.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-5a587b72-ded6-4320-942f-572599d3406c.html,