SOLIDARIETA' ... come altro?

SOLIDARIETA' ... come altro?
Ci impegniamo senza giudicare chi non s'impegna, senza accusare chi non s'impegna, senza condannare chi non s'impegna, senza cercare perché non s'impegna, senza disimpegnarci perché altri non s'impegna. Ci impegniamo per trovare un senso alla vita, a questa vita, alla nostra vita, una ragione che non sia una delle tante che ben conosciamo e che non ci prendono il cuore, un utile che non sia una delle solite trappole generosamente offerte ...dalla gente pratica. Si vive una sola volta e non vogliamo essere giocati in nome di nessun piccolo interesse. (Primo Mazzolari)

lunedì 30 giugno 2014

30 giugno 2014

 Fatti Mail  

Affezionata piccola grande famiglia di Fatti Mail


In questo periodo dell’anno
capita spesso di ascoltare programmi di partenze, mete, viaggi, barche da raggiungere, spiagge da calpestare, mari da solcare

in questo periodo dell’anno
vengono a galla – più evidenti del solito – paradossi e contraddizioni di questo nostro strano tempo

su una sponda si guarda al mare come ad una promessa, una culla che possa “ninnare” e  portare ristoro alla fatica di un anno di lavoro,   corse,  stress 

sull’altra – sponda -  si scruta il mare come una minaccia, una tomba liquida e galleggiante da sfidare per iniziare a cercare un futuro, una speranza … un lavoro.

Tra queste due sponde la stessa acqua salata, le stesse onde, gli stessi venti.
Tra queste due sponde destini diversi, diverse certezze, diverse legittime attese.

Per cercare ciò che  manca -  tutti – ci spostiamo

Ma – mi chiedo -  trovare ciò di cui abbiamo bisogno è solo una questione di “dove”?

Il dove conta, certamente. Conta arrivare vivi in Europa,  conta trovare un luogo dove riuscire a trascorrere giornate scandite da tempi diversi.
Il dove conta …  ma non basta

Non basta una sdraio o una baita per riuscire ad ascoltare figli o amici cui abbiamo smesso di dedicare tempo e disponibilità. Nessun altrove può compensare né tanto meno sostituire l’intimità perduta. 
Né  basta un porto d’arrivo per trovare la dignità negata.

Il viaggio più importante da intraprendere per arrivare a vivere vite più giuste e luminose -  qualunque siano le sponde da cui siamo partiti  - non  è quello verso un dove ma verso un chi.

Affrontare le distanze tra di noi, tra me e te – te figlio, amico, fratello, migrante, inquilino, coniuge, te che mi sei di fronte -  è a volte il viaggio più arduo che ci sia.

Un viaggio ineludibile se non si vogliano ridurre i propri spostamenti a fughe.
Un viaggio salvifico se in grado  di rifondare  le relazioni della nostra vita e, per contagio, quelle ad esse collegate.
Un viaggio necessario se vogliamo evitare di perdere noi stessi nelle distanze desolanti con cui talvolta   mappiamo la nostra quotidianità.

E’ allora tempo di viaggi

… per tutti …

“Con gli anni e le esperienze è cambiata la mia idea di viaggio. E visto che sono sempre più convinto che i viaggi sono i i viaggiatori, sono pure convinto che si possa fare la differenza. Basta mettersi in gioco. Basta partire con un bagaglio leggero, che non sia sprovvisto di qualche domanda e perfino di una dose di inquietudine. Basta tener allenato il proprio sguardo, consapevoli con Marcel Proust che prima di nuovi luoghi dobbiamo contare su nuovi occhi per guardare.

E’ una sfida che riguarda chi parte, il viaggio.

Chi parte e sa che comunque dovrà ritornare, perché il viaggio, si sa o si dovrebbe sapere, è tale solo se implica il ritorno: e non a caso il primo viaggio della storia della nostra letteratura, il più grande di tutti i tempi, è un ritorno, il ritorno a casa di Ulisse.
E’ una sfida che deve rimetterci in discussione, il viaggio. Credo che proprio per questo Fernando Pessoa una volta paragonò ogni molo ad una nostalgia di pietra. Perché ogni viaggio è prima di tutto un distacco, e non solo il distacco di una aereo da una pista o di una nave dalla banchina a cui era attraccata. Il distacco è prima di tutto un movimento della mente e del cuore.

E’ partenza da se stessi. E per questo anche crampo di nostalgia. Diceva S. Agostino: Il mondo è un libro e chi non viaggia legge solo una pagina. Vero. Verissimo. Da incrociare con un'altra affermazione di Alexandra David-Néel, la francese che per anni viaggiò tra il Tibet ed il Giappone, in un’epoca in cui le donne sole non erano solite passeggiare nemmeno per i giardini di Parigi. “Chi viaggia senza incontrare l’altro, non viaggia, si sposta”. I viaggi sono i viaggiatori ma non esiste viaggiatore che possa prescindere dal problema dell’altro, dall’occasione che l’altro rappresenta. Credo che anche il navigatore in solitaria, in qualche modo, non possa farne a meno. Meglio di tutti lo spiegava Ryszard Kapuscinnski, grandissimo reporter del novecento: ripensando ai miei ormai numerosi viaggi per il mondo, talvolta mi sembra che il problema più inquietante non siano state le frontiere, i fronti, le difficoltà ed i pericoli, quanto la sempre rinascente incertezza circa il genere, la qualità e l’esito del mio incontro con gli altri, ossia con le persone nelle quali mi sarei imbattuto durante il viaggio. Sapevo infatti che da esso sarebbe dipeso molto, talvolta tutto.” 
(dal libro: Semi di cambiamento)



Due ulteriori condivisioni:

1)    Chiunque voglia segnalarmi iniziative da promuovere, NON mi mandi ALLEGATI, NE’ LOCANDINE … ma tutto il comunicato direttamente come testo della mail

2)     Nella colonna di destra del BLOG   c'è una finestrella 
"CERCO … TROVO …"
basta digitare una  parola chiave  e   appariranno tutte le volte in cui,  in una qualunque Fatti Mail degli ultimi 2 anni, sia stata citata quella parola   … può essere un'utile strumento di prima ricerca
(ovviamente poi c'è sempre l’ archivio!)


AVVISATE LE PERSONE DA VOI SEGNALATE -  DI CUI FORNITE SOLO UN NUMERO DI TELEFONO - CHE POTREBBERO RICEVERE TELEFONATE IN CUI SI FARA’ RIFERIMENTO A “FATTI MAIL” … è importante aiutare due persone estranee che si parlano a superare il disagio iniziale dovuto spesso proprio alla mancanza di fiducia … Considerate che l’espandersi di Fatti Mail se da una parte aumenta i lettori (e le opportunità di risposte solidali) dall’altra estende anche al di fuori delle spedizioni di Fatti Mail via e-mail la possibile lettura del bollettino. Chiedete quindi a chi vi chiami o vi contatti come sia venuto a conoscenza della vostra richiesta, regolandovi conseguentemente. 




BUONA LETTURA :
Le richieste legate alla ricerca di lavoro  - oggi come sempre - chiamano tutti coloro che vogliano “essere” solidali  a “fare” un gesto in più: una lettura approfondita, un passa parola, un’attenzione ad offerte che possano capitare alla nostra attenzione.  Non sono bigliettini attaccati ad una bacheca … sono amici, persone che stanno portando un peso – diverso ma gravoso in ogni caso – e chiedono il nostro sostegno … per non restarne schiacciati. Grazie




1)        JOSE’ E  CRISOLITA MARIA:

Josè Silva Andrade e Crisolita Maria Duerte Andrade sono marito e moglie, capoverdiani,  e cercano lavoro insieme presso una famiglia. Sono disponibili per tutti i lavori di casa ed anche per curare il giardino. Sono disponibili ad una soluzione “residenziale”
Il loro cell è gaia.fattimail@gmail.com
Se serve posso attivarmi per far avere referenze
Gaia


2)        CERCO LAVORO:

Carissimi Amici/e
Il marito della badante di mia suocera è libero ed è un grande lavoratore anche come badante.
Chi è interessato può telefonare alla moglie Alina cell. ... oppure a me ...
Un caro saluto a tutti


3)        LUIGI MUSICISTA CERCA LAVORO:
Luigi è un musicista, fa tante belle cose e puo' offrire molto, si dà tanto da fare. Ha da poco avuto due gemelli, ed e' approdato a Roma con la famigliola. La scuola religiosa che doveva farlo lavorare come insegnante di musica ha annullato l’impegno repentinamente.
A)   Hai desiderio di imparare o migliorare a suonare?
Se hai voglia di Suonare il Violino, la Viola, il Pianoforte o l’Organo...
Hai un sogno? Cantare?  NON ESITARE ! Chiamami : M° Luigi Pontillo –...
Diplomato in Conservatorio e Magistero in Composizione Sacra al Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma, Direttore di Coro e d’Orchestra, Cantore/TENORE del Coro del Vicariato della Città del Vaticano, Organista di TV2000 per la Coroncina della Divina Misericordia«Preparazione per esami in Conservatorio.
LA MUSICA NON HA ETA' !


B)   Vuoi rendere la tua Cerimonia Religiosa Unica?
Avete deciso di coronare il Vostro sogno d’Amore?
Tuo figlio/a riceverà il Sacramento del  S.Battesimo ?
Dopo aver coronato il Vostro sogno d’amore......il Signore Vi ha donato di raggiungere le Nozze d’Argento o d’Oro ?
PUOI CHIAMARMI M° Luigi Pontillo –....
Gruppi musicali con vari organici per Cerimonie Religiose….
dal Duo «Canto e Organo» al «Quartetto d’Archi»...e molto di più !


C)   Se hai bisogno di ripetizioni private di Italiano , Letteratura e Latino
PUOI CHIAMARMI:  M° Luigi Pontillo – ....

     Mi chiamo Luigi Pontillo sono Diplomato in Conservatorio e Magistero in Composizione Sacra al Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma, Direttore di Coro e d’Orchestra, Cantore/TENORE del Coro del Vicariato della Città del VaticanoOrganista di TV2000 per la Coroncina della Divina Misericordia.
·         Insegno violino,viola,organo e pianoforte ;
·         Preparo per esami di Conservatorio ;
·         Organizzo  gruppi musicali con vari organici per Cerimonie religiose (battesimo,matrimoni,anniversari)  dal DUO »Canto e Organo « al Quartettod’Archi » e molto di più !
·         Impartisco ripetizioni di Italiano,Letteratura e Latino.
      
Luigi Pontillo – gaia.fattimail@gmail.com

   
4)              MARCO CERCA LAVORO

Sono MARCO MARENA. – La mia famiglia fa parte da sempre di Fatti Mail –
Ho 33 anni, laurea (triennale) in Economia Aziendale  con indirizzo Marketing e Master in “Business Creation” a Tor Vergata. Dopo aver lavorato sei anni in una  Azienda leader nelle energie rinnovabili, di cui oltre tre anni vissuti in Sud Africa a Johannesburg come  Country Manager, ho perso il lavoro, a causa del fallimento dell’Azienda.
Attualmente sono precario nel “recupero crediti”, e cerco un lavoro più stabile, consono alle mie  competenze e meno sfruttato. Conosco molto bene l’inglese ed il francese (tedesco scolastico) ed uso  tranquillamente il computer.
Sono disposto a lavorare dovunque ci sia da fare e “tanto”...
I miei recapiti: ..., marco gaia.fattimail@gmail.com


5)             ANNA CERCA AIUTO PER LA MAMMA:

Cara Gaia,
sono Anna
Sono alla ricerca di un aiuto  (colf - badante) per mia mamma di anni 90 in discrete condizioni di salute ma bisognosa di aiuto per esigenze personali e faccende domestiche.   Si tratta di una sostituzione maternità per il periodo luglio-novembre con il seguente orario: ore 9.00 - 11.30 per 4 giorni alla settimana  (totale 10 ore settimanali).

La ringrazio se potrà mettermi in contatto con qualche persona interessata alla tipologia di lavoro sopra descritta
email e n.cell.     gaia.fattimail@gmail.com
ringrazio tanto tutti.
Anna Chiozza



6)        ALESSANDRA CERCA LAVORO:

Cara Gaia,
Ti chiedo gentilmente se puoi pubblicare questa mia richiesta di lavoro in un periodo molto delicato e buio della mia vita e della mia famiglia ,di cui, sono io il capo famiglia da piu' di dieci anni e affronto difficolta' di ogni genere per garantire ai miei due figli e mia mamma una vita quanto meno dignitosa.

Ho molta esperienza come baby sitter, arrivando persino a gestirne ben 5, pulizie domestiche e industriali. (tutto è verificabile) Mi permetto di considerarmi una bravissima cuoca e ottima guidatrice (il che non guasta oggigiorno)

Coloro che mi conoscono mi ritengono persona seria ,affidabile, precisa e attenta alle esigenze del prossimo.
Spero tento, cara Gaia, di aver modo di dimostrare  con il vostro aiuto tutto' cio'.

Ringrazio Fatti Mail per l'opportunità che mi sta donando
.
Spero quindi di condividere oltre alle mie speranze di oggi ,le gioie di un domani piu' sereno per me e la mia famiglia.
Alessandra Marinelli gaia.fattimail@gmail.com


7)                        STANZA X TRE MESI:


Cara  Gaia
sono in partenza per lavorare su di un Progetto rivolto a
ragazze-madri che vivono in strada, con i loro bambini - 
Il Centro con cui collaboro ha trovato una struttura da adibire a casa di accoglienza perciò vado ad avviare questo importante passaggio del Centro e a impostare attività di formazione e di auto sostenibilità economica

A Roma io occupo una stanza, in una casa ampia, serena - con terrazzo, giardino e orto... assieme ad altri co-inquilini (siamo in 4 in tutto...)
La mia é una stanza singola, ampia, semplicemente arredata, funzionale...
Vorrei individuare qualcuno che abbia necessità di avere un punto di appoggio a Roma, lo/la ospiterei nella mia stanza durante i mesi di mia assenza....
Con la proprietaria di casa, persona con cui ho confidenza, questo tema é già stato affrontato e lei é d'accordo.... l'essenziale é che la persona interessata sia disposta a soggiornare quei mesi nella mia stanza... questa esigenza, se al mio rientro,  dovesse prolungarsi, mi impegno a trovare una sistemazione adeguata o per me o per lei fino a copertura del periodo di necessità....
E' importante però che la persona abbia una disposizione alla collaborazione in casa, rispetto e mantenimento di pulizia, ordine e decoro degli spazi comuni.
La mia partenza é prevista per il 15 di luglio con rientro il 15 di ottobre.
Costo  - contenuto - quale contributo alloggio e consumi compresi: € ….
Grazie mille per il sostegno e la diffusione di questa mia richiesta
Rosa Graziuso


8)             CASA PER ESTATE A ROMA:

Cara Gaia,
ti giro questa mail dei miei due amici maria Chiara e Tommaso, che hanno casa a roma (nomentana vicino a Piazza Sempione),

"Ciao a tutti.
Vi scrivo per dirvi che questa estate io e Tommaso saremo fuori Roma per tutto il mese di agosto, se avete amici o amici di amici che cercano un alloggio romano nel mese di agosto noi affittiamo la nostra casa a 15 euro  al giorno ma con la casa sono inclusi due felini, molto buoni e simpatici ma sempre due felini ! Occorrerebbe dare loro una volta la giorno una ciotola di croccantini e assicurarsi che la ciotola dell’acqua sia sempre colma per assicurare una buona idratazione a Vladimiro e 28. Se qualcuno di voi avesse qualche amico straniero che vuol passare una vacanza nella città eterna può girargli questa mail."
Maria Chiara e Tommaso   mail: gaia.fattimail@gmail.com


9)          SOS PC

Ricevo dalla rete di Raffele Magrone e volentieri condivido:
Ciao a tutti,  durante un corso di formazione ho conosciuto un padre di famiglia che dopo molte  difficoltà sta cercando di reinserirsi lavorativamente . Adesso ha fatto un corso di  alfabetizzazione informatica che gli servirà per accedere a un lavoro a partire da  settembre. Lui però non ha un computer e non potendosi esercitare rischia fra due mesi
di presentarsi alla prova senza preparazione.
Volevo chiedervi se qualcuno di voi ha un vecchio pc (fisso o portatile) dove giri word e  magari invece di tenerlo buttato in un angolo vuole regalarlo o magari prestarlo fino a  settembre. Scrivetemi alla mail
 vi metterò in contatto  direttamente con la persona





10)   REGALO PALMA:
Ciao a tutti,
se qualcuno di voi ha uno spazio dove metterla, regalo la palma che vedete nella foto, che ormai non ce la fa più a stare nel vaso.
E’ alta, dalla base del fusto, circa 1,50 cm e si trova al Nuovo Salario. Ve la regalo senza vaso ormai rotto ma per portarla via ci vorranno almeno un paio di persone.

La do al primo che se la viene a prendere!

Se volete, spargete la voce ad amici con il pollice verde  e il giardino!

Un caro saluto a tutti, Gino -   gaia.fattimail@gmail.com



CONDIVIDO:
EVENTI, ATTVITIVA’, INIZIATIVE A CARATTERE SOLIDALE E/O CULTURALE.  
A SEGUIRE ALCUNE SEGNALAZIONI DI EVENTI, ATTVITIVA’, INIZIATIVE A CARATTERE SOLIDALE E/O CULTURALE. … vita e solidarietà … per imparare a crescere insieme  
BUONA LETTURA:


30 GIUGNO – SOS LA MERIDIANA
Ricevo dalla rete di Raffaele Magrone e condividono … li ho appena acquistati ….

Care amiche, cari amici,
Si tratta di un invito a dare un piccolissimo contributo per salvare dal fallimento una casa  editrice vittima di una grande truffa insieme ad altri editori. Qui i dettagli:

La Meridiana è una piccola casa editrice nata a Molfetta nel 1987, grazie alla passione e  all’impegno di alcuni volontari per promuovere i temi dell’emarginazione, della pace e  della nonviolenza, dell’educazione cari a don Tonino Bello (il nostro amato vescovo  pacifista scomparso prematuramente nel 1993) grazie al quale quell’esperienza editoriale è partita.
Sul sito la storia e tutta la linea editoriale: http://www.lameridiana.it,

Ora, all’affanno e alle difficoltà della crisi, si è aggiunta la batosta di questa truffa.
Per salvarsi o contenere il danno abbiamo bisogno di raccogliere 20.000 euro in una  settimana entro al fine di giugno!!! Come? Vendendo libri perché questo è il nostro M mestiere, la nostra mission. Non vogliamo donazioni.
Ciascuno di noi può dare quindi un piccolo contributo acquistando semplicemente qualche libro entro il 30 giugno.

E’ possibile scegliere i libri sul sito: pagamento con paypal o bonifico su Banca Etica.
Per chi volesse maggiori info può contattare:

Elvira Zaccagnino
cell 345.4530009; @elvirazaccagnin
edizioni la meridiana - www.lameridiana.it
tel 080.3971945 - fax 080.3346971


30 GIUGNO – ROSA PER I GIRASOLI



Ricevo dalla rete di Raffaele Magrone e condividono
Importante evento musicale nato per raccogliere fondi a sostegno dei progetti sociali e di inclusione professionale promossi da Sintesi e dalla Locanda dei Girasoli.

Lo spettacolo, che vede la partecipazione di importanti nomi del panorama jazzistico italiano, è organizzato dall’Ass. Global Music Academy, in collaborazione con la Regione Lazio.
Il grande Marcello ROSA, trombonista, compositore, arrangiatore di lunghissima e prestigiosa carriera, presenterà il suo nuovo album:
Number One
 A condividere questo percorso artistico e di sensibilizzazione, sono
chiamati diversi artisti che con ROSA hanno condiviso esperienze e avventure musicali;
Max IONATA, Javier GIROTTO, Aldo BASSI, Bepi D’AMATO, Roberto SCHIANO ed Elvio GHIGLIORDINI, tutti affiancati dalla “EXIT Orchestra”
, neonata orchestra stabile di Roma diretta da Marco TISO
. La serata sarà presentata dal giornalista e conduttore
televisivo Alessandro GATTA che ha sposato con grande piacere la causa.
Per info e prevenditeTel. 06.3265991 Prevendite On-line: teatroolimpico.it
VEDI ANCHE:


DACCI OGGI IL NOSTRO AMORE QUOTIDIANO
XXVI Settimana di spiritualità  per il quotidiano
Non esiste il "pane mio".
Tutto il pane è nostro,
ma è dato a me;
agli altri è dato per mezzo di me,
a me per mezzo degli altri.
           (Meister Eckhart)
Trevi nell'Umbria (PG),  - 22-26 agosto 2014
VENERDI' 22 AGOSTO
Pomeriggio: Arrivi e sistemazione
Ore 21,00: Apertura della XXVI° Settimana di spiritualità - don Mario De Maio
SABATO 23 AGOSTO
Ore 8,30: - Quale amore? - Riflessioni e silenzio - don Mario De Maio
Ore 10,00: Esperienze di amore nelle chiese - Luigi Sandri, giornalista
Ore 11,30: Gli impedimenti all'amore - Massimo Termini, psicanalista
Ore 15,30: Domande ai relatori
Ore 17,00: Laboratori esperienziali e gruppi di approfondimento
Ore 21,00: "L'audacia dell'amore" - testimonianze di Francesco Brescia - Aldo Bifulco
DOMENICA 24 AGOSTO
Ore 8,30: La mancanza - Riflessioni e silenzio - don Mario De Maio
Ore 10,00: L'esperienza mistica come esperienza d'amore in Simone Weil ed Etty Hillesum -
Isabella Adinolfi, filosofa
Ore 11,30: Dammi una parola per vivere - Paolo Bettiolo, storico del cristianesimo
Ore 15,30: Domande ai relatori
Ore 17,00: Laboratori esperienziali e gruppi di approfondimento
Ore 19,00: Celebrazione eucaristica
Ore 21,00: Aggiornamento dal progetto "Madre Terra" - p. Giuliano Inzis
LUNEDI' 25 AGOSTO
Ore 8,30: Il desiderio - Riflessioni e silenzio - don Mario De Maio
Ore 10,00: La fede in Dio come fonte di amore - don Carlo Molari, teologo
Ore 11,30: Padre nostro... pane nostro -
dom Alessandro Barban, monaco Camaldolese
Ore 15,30: Domande ai relatori
Ore 17,00: Laboratori esperienziali e gruppi di approfondimento
Ore 21,00: Serata finale
MARTEDI' 26 AGOSTO
Ore 8,30: La presenza - Riflessioni e silenzio - don Mario De Maio
Ore 10,00: I riflessi e i condizionamenti sociali dell'amore teologale -
don Carlo Molari, teologo
Ore 12,30: Pranzo
SPAZIO PER INIZIARE LA GIORNATA
Al mattino alle 7,00, chi desidera può iniziare la giornata
con una di queste proposte:
- la celebrazione della Messa
- pratica di risveglio yogico, Antonia Tronti
LABORATORI ESPERIENZIALI
Antonia Tronti - La caverna del cuore, luogo del senza confine - gruppo di yoga
Antonio Bulfoni - Cura del corpo per curare la vita
Enzo Meroni - Amore e bene oggi - laboratorio di pittura
Francesco Paladino - "Sarà la musica che gira intorno..." - laboratorio di musica
Giancarlo Salami - Le immagini per raccontare l'amore di ogni giorno
Paola Coghi - Lavoro creativo e dinamiche dell'amore
Silvia Garelli - Semplicemente danzare con i balli popolari
Silvia Pettiti - La scrittura è relazione
GRUPPI DI APPROFONDIMENTO
don Mario: Innamorati della vita - gruppo giovani 20/30 anni
Dante Ghezzi - L'amore nella famiglia, prezioso e difficile
Francesco Brescia - Il difficile amore quotidiano
Letizia Fianchini - Le finezze dell'amore
PRENOTAZIONI
Per partecipare è necessario prenotarsi. Vi preghiamo di farlo al più presto per permetterci di rispondere a tutte le richieste, con una delle seguenti modalità:
- tel. 0765332478 - cellulare 3929933207
- e-mail: 
oreundici@oreundici.org
- via internet compilando il 
seguente modulo elettronico

LABORATORI ESTIVI – VILLA TORLONIA


Da: Polo Didattico Digitale [mailto:polodidatticodigitale@gmail.com]
 Specializzati in difficoltà di concentrazione

Vi inoltro volentieri i moduli d’iscrizione per i laboratori estivi di Villa Torlonia dedicati ai ragazzi dalle elementari alle superiori in scadenza il 13 giugno.
Sperimentare
 musica, informatica, giornalismo, fotografia, pubblicità e regia divertendosi -immersi nel verde- perapprendere senza fatica ed iniziare il nuovo anno scolastico con una nuova metodologia di studio! 

Per l'iscrizione seguire la procedura on line.

Per info - 340.5348059

IN PIU’…
Cari genitori,

i nostri laboratori per i giovani dai 10 ai 17 anni di ripresa,montaggio,videoclip e giornalismo radio-tv per ragazzi/e con difficoltà di apprendimento.
Apprenderanno senza fatica le metodologie per affrontare il nuovo anno scolastico.
Inoltre abbiamo pensato al recupero debiti medie-superiori dalle 14 alle 16.
La sede e' Villa Torlonia e le adesioni dovranno pervenire entro il 2 luglio.
In allegato il progetto ed il modulo di adesione.
Grazie
Per info e iscrizioni contattare:
Polo didattico Technodigitale
LABORATORIO ESTIVO GIOVANI
Giornalismo tv – radio – videoclip - cinema
o 7- 11 LUGLIO
o 14-18 LUGLIO 
Modulo di richiesta di partecipazione 
 Le richieste saranno esaminate dallo staff e selezionate secondo criteri prestabiliti al fine di avere un gruppo  omogeneo per età. Verrà data comunicazione di accettazione o non accettazione tramite posta elettronica.
COSTO: 140 EURO (ESCLUSA IVA: se fattura )
IBAN: IT30Z0306967684510727097322
ITALIAN WOMEN WORLD- INTESA SAN PAOLO
Agenzia 00229- Via Cassia,844 00189 Roma
340.5348059 best@globotricolore.it,  


SCUOLA MONTESSORI – APRE

FLAMINIA GUIDI – SCUOLA PRIMARIA
Via della Pisana – Apertura a settembre per il nuovo anno scolastico
La Scuola è inserita nel contesto della Città dei Ragazzi
La scuola avrà a disposizione ambienti ampi e luminosi ed un terreno per le coltivazioni e la cura delle piante.
Maria Montesori ha da sempre messo in evidenza il legame con la natura e le sue immense potenzialità educative (è presente anche una piccola fattoria). Ha evidenziato la necessità di porre l’animo del bambino a contatto con la ”contemplazione intelligente della natura”
L’esperienza diretta di vita vissuta, piuttosto che quella filtrata dai libri, trasmetterà l’amore per la conoscenza ed ogni  scoperta sarà occasione per arricchire il vocabolario, approfondire concetti matematici, di scienze,, geografi, storia …
Il primo anno sarà avviato con una scuola parentale, per proseguire con la parità.
TUTTE LE INFO: 347 7298 845 – info@montessoriinpratica.it,




PELLEGRINAGGIO IN TERRASANTA:

CARO AMICO PRO TERRA SANCTA,
Non perderti l’occasione unica di venire con noi a visitare la Terra Santa, i Luoghi della Rivelazione ma anche i progetti che portiamo avanti qui, a incontrare i volontari che lavorano sul campo, i giovani locali coinvolti nei progetti, le comunità cristiane di Terra Santa.

30 agosto – 6 settembre 2014:
Per informazioni e prenotazioni scrivi a Anna Colombi:
Ultimi posti disponibili.
Affrettati ad iscriverti è un’occasione unica per venire con noi in Terra Santa.
Le iscrizioni chiudono il 10 Luglio 2014.
Non perderti questa occasione!
Diffondi questa iniziativa anche tra i tuoi amici e conoscenti.
TI ASPETTIAMO IN TERRA SANTA!

WORLF FRIENDS

Da anni World Friends opera per migliorare la salute dei bambini nelle baraccopoli a Nord Est di Nairobi nella maniera più efficace ed estesa possibile, in base alle proprie risorse. Le mamme e bambini hanno la possibilità di usufruire dei servizi medici presso gli ambulatori partner di World Friends dislocati nelle baraccopoli, e i casi più complessi vengono accolti presso il Neema Hospital, che rappresenta uno dei centri ospedalieri di riferimento di un’area molto estesa (circa 800.000 abitanti).

Ma spesso i bambini necessitano di cure mediche specialistiche e la risposta delle strutture periferiche non è sufficiente. Inoltre, i servizi di cura pediatrici che World Friends é in grado di offrire tramite il Neema Hospital presentano, al momento, diversi limiti poiché ancora non esiste un reparto di pediatria in grado di accogliere, visitare ed assistere i bambini con patologie più complesse.

Da oggi inizia una nuova avventura …..seguite con noi i lavori di costruzione del nuovo 
Reparto di Pediatria e continuate a sostenerci. Contiamo sul vostro aiuto per raggiungere insieme questo nuovo grande obiettivo per i più piccoli!



CENA E SOLIDARIETA’

   Carissimi amici de La Nuova Arca,
ogni estate il nostro parco si allieta di eventi durante i quali tutte quelle realtà che, in vari modi, ci sono vicine hanno l’occasione di conoscersi e passare insieme una piacevole serata.  Per molti di voi, ormai,  sono diventati appuntamenti fissi e irrinunciabili. È con grande piacere, quindi, che anche quest’anno vi  invitiamo a partecipare alla Cena sotto le stelle che si terrà venerdì  4 luglio alle ore 20 in via dei Casali di Porta Medaglia 41.
Avremo modo di assaggiare i prodotti del nostro orto, rigorosamente biologici e commercializzati secondo i criteri della filiera corta e del km 0, e i prodotti, accomunati dal neonato marchio D.O.M. - Denominazione di origine Municipale, di alcune delle aziende del nostro territorio che con noi condividono tali valori: ortaggi, uova, formaggi, salumi sapientemente cucinati e serviti dagli amici e  volontari  de La Nuova Arca e dalle mamme ospiti de La Tenda di Abramo!
Il costo della cena, per gli adulti, sarà di 25 €, di 5 € per i bambini fra i 7 e i 12 anni
Il ricavato sarà devoluto alla casa famiglia La Tenda di Abramo per finanziare il progetto Sulle più alte vette che, per la quarta estate di seguito, rende possibile la vacanza della Casa Famiglia sulle belle montagne abruzzesi.
Portate amici e parenti, ne saremo felicissimi. Vi chiediamo solo di prenotare al più presto a Monica (monicaamilano@yahoo.it ; cell 335 83 14 318)  per poter organizzare al meglio l'accoglienza.
Un caro saluto Gli amici de LA NUOVA ARCA  Cooperativa Sociale
Venite a trovarci sul nostro Blog http://lanuovaarca.wordpress.com/


FUOCHI E FIAMME
Da Piazza Sforza Cesarini a Piazza Campo dei Fiori
Sulle orme degli antichi pellegrini per incontrare venerabili seminaristi inglesi e poveri frati scalzi, fantasmi di belle fanciulle e anime in pena di infelici carcerati, papi, "cupidi e rapaci" e sante e regine svedesi, "onorate puttane" e ardenti eretici.
Un percorso ricco di memorie tra il sacro e il profano, fra spade, piazze, chiese e edifici storici di un rione che ha tanto da raccontare e da mostrare ......  
Mercoledì 2 luglio – ore 20,00
Prenotazione obbligatoria
Quota di partecipazione
Intero: € 7,00 - Ridotto: ragazzi (da 10 a 18 anni) € 4,00 - Bambini: gratis
Appuntamento: Ore 20.00 - Piazza Sforza Cesarini (davanti al monumento)
Durata: 2 ore circa
Info e prenotazioni: Tf. 347 1007191
Email: liviadestefano@passeggiateroma.eu
La visita è guidata da Donatella Cerulli, storica e giornalista


Seguirà il ciclo :
mercoledì 9 luglio, ore 20.00 : Trastevere, da quanno t'ho lassato .... Da Piazza Sant'egidio a Piazza dell'Anfiteatro
mercoledì 16 luglio ore 20.00 : Fiammetta e le altre - Da Piazza Fiammetta a Piazza delle Coppelle
mercoledì 23 luglio ore 20.00 : La carrozza della Pimpaccia - Da Piazza Pollarola a Piazza Navona




EQUOCIQUA’ & SOLIDARIETA’
Care amiche e cari amici,

purtroppo dobbiamo darvi la triste notizia
 dell’imminente chiusura della bottega Equociquà! di via degli Ombrellari, a Borgo Pio.
In questi ultimi due anni la situazione economica è molto peggiorata. Nel 2012 la bottega aveva dato un buon risultato, ma nel 2013 si è registrato un forte calo delle vendite, accompagnato da una situazione di stallo anche degli altri settori della nostra cooperativa (bottega di Laurentina e servizio di catering), che non hanno potuto più coprire le perdite generate dalla bottega di borgo. Purtroppo, sia nel 2012 che nel 2013 la chiusura del bilancio della cooperativa è stata in passivo, e ha ridotto al minimo le riserve. Anche i primi 6 mesi del 2014 stanno confermando questo andamento.

Per poter chiudere il 2014 in ripresa, si è resa necessaria una serie di tagli di costi, in cui si inserisce anche la chiusura della bottega di Borgo Pio. La bottega è troppo piccola per arrivare a livelli di vendite sufficienti per chiudere in pareggio, e siamo in una situazione che non ci consente ulteriori perdite.
Contiamo di chiudere la bottega a fine luglio, per poter lanciare nuove attività sin dal prossimo autunno:
- Faremo partire un servizio di consegne a domicilio in tutta la città;
- Continueremo a gestire i vostri ordini di cesti natalizi (e per le bomboniere, stiamo valutando un servizio di “bomboniere a domicilio”)
- Attiveremo la vendita online attraverso un sito-vetrina:  un valido sostituto della bottega, soprattutto per chi, come voi, conosce già i prodotti del commercio equo e solidale.
- Proveremo a stipulare accordi con punti vendita affini a noi per natura e/o tipologia di prodotti, per farci ospitare con uno scaffale/campionario dei nostri prodotti. A tal riguardo, se conoscete negozi o altri enti da suggerirci, fatecelo sapere.

Vorremmo che la chiusura del punto vendita non abbia ripercussioni sui produttori del Sud del mondo, che contano sui nostri ordini e sui vostri acquisti, perciò vi chiediamo di supportarci:
- venendo in bottega nelle prossime settimane, le ultime di apertura, continuando a fare acquisti da noi fino a fine luglio.
- mandandoci suggerimenti, adesioni, manifestazioni di interesse rispetto alle iniziative che abbiamo in cantiere.
- mandandoci idee su come continuare a essere presenti sul territorio di Borgo Pio  e di Prati con modalità e iniziative a cui non abbiamo pensato.
- mandandoci contatti di enti e persone della zona che possano essere interessate a quello che facciamo, o che possano aiutarci.

Noi continueremo a inviarvi informazioni e segnalazioni di iniziative perché sappiamo di aver creato una rete di fiducia con voi e di aver contribuito, tutti insieme, a restituire dignità ai tanti lavoratori e lavoratrici del sud del mondo che contano su di noi.
   
Vi ringraziamo di questo tratto di strada condiviso e speriamo davvero che vogliate rimanere in contatto con noi:
- passando in bottega, o telefonando al numero 066896177, fino a fine luglio.
- guardando il nostro sito www.equociqua.it
- leggendo le nostre mail.
- mandando una mail a borgo@equociqua.it per ogni cosa pensiate di volerci dire.
- venendo a trovarci e a fare i vostri acquisti nella nostra bottega di Via Divisione Torino 51 (zona Laurentina).

A presto! Grazie!

I lavoratori e i volontari della bottega di borgo - Il cda della cooperativa Equociqua!




MEETING DELLA FAMIGLIA

segnalo la seconda edizione del Meeting della Famiglia che avrà luogo dal 2 al 6 luglio 2014 presso l'Istituto Salesiano Pio XI in Via Umbertide, N. 11 - Roma:http://www.estateinfamiglia.it/


Inoltre, puoi guardare:




CONSAPEVOLEZZA&SOLIDARIETA’
Una cittadinanza consapevole è una cittadinanza più solidale.

GUARDARE I MONDIALI …E NON SOLO QUELLI
Perché il popolo brasiliano protesta contro la Coppa del Mondo?
Não vai ter copa: “non ci sarà nessuna coppa”. È questo lo slogan di chi in Brasile il Mondiale di calcio della Fifa, l’evento che ogni quattro anni monopolizza con le sue immagini e le sue parole un intero pianeta, non lo vuole, non lo capisce e non lo accetta. Da una ricerca del Pew Research Center emerge che il 72% dei brasiliani è scontento, mentre il 61% pensa addirittura che la manifestazione sia un male per il Paese. I motivi? Sono tanti, precisi e ben radicati. Proviamo qui a spiegarli in maniera sintetica.
·   Costi imprecisati. Non c’è ancora un dato preciso su quanto abbia sborsato il Brasile per organizzare la coppa: da 13,4 miliardi di dollari a 33 miliardi, o addirittura 63 miliardi.
·   Sprechi e povertà diffusa. “Il Brasile ha problemi con la sanità, con i trasporti, con le scuole, ma tutti i soldi vengono spesi per i Mondiali”, ha detto Romario, fenomeno verdeoro di un ventennio fa e indiscusso protagonista della vittoria della Seleçao a Usa ’94 (…) mentre la Fifa a fine competizione farà le valigie dal Paese“con profitti per oltre 4 miliardi di dollari”.
·   Espropriazione ed esclusione.  E altri...(vedi: http://www.squer.it/)           
            La COCA COLA, sponsor della Coppa del Mondo, usa gli Indiani per promuovere i suoi prodotti – ma è coinvolta nella loro lotta territoriale. Nelle sue pubblicità, Coca Cola utilizza l’immagine di un Indiano sorridente che beve la famosa bevanda. La compagnia, però, compra zucchero dal gigante alimentare Bunge, che a sua volta acquista canna da zucchero prodotta nella terra rubata ai Guarani. “Coca Cola deve smettere di comprare zucchero da Bunge. Mentre queste compagnie fanno profitti, noi siamo costretti a soffrire la fame, la miseria e gli omicidi” ha detto un portavoce guarani.
            Secondo quanto rivelato da un nuovo, scioccante studio, i Guarani oggi soffrono il tasso di suicidi più alto al mondo. Nel 2013 almeno 72 membri della tribù si sono tolti la vita: il numero è quasi triplicato negli ultimi vent’anni. La maggior parte delle vittime ha tra i 15 e i 30 anni.  (fonte: http://www.survival.it/coppadelmondo)           
            La Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile condanna le spese pubbliche per i Mondiali e ed ottiene dalle autorità brasiliane il rispetto dei diritti degli esclusi. I vescovi brasiliani hanno realizzato e distribuito un opuscolo sui Mondiali. Nel cartellino rosso hanno inserito:
In questo momento di svolgimento del Campionato, le Chiese vogliono dare il loro contributo mediante un dibattito pubblico ed esprimendo la loro preoccupazione per:
1.L’esclusione di milioni di cittadini dal diritto d’informazione e dalla partecipazione ai processi di decisione sulle opere realizzate per il Campionato.
2.Lo spostamento delle famiglie e delle comunità per la costruzione delle opere degli stadi e della mobilità, con la violazione al diritto di residenza nelle comunità e nei quartieri popolari.
3.L’accrescimento delle disuguaglianze urbane e del degrado ambientale.
4.E altri...(vedi: http://www.cnbb.org.br/

Allora, è bene guardare i Mondiali di Calcio con occhi critici, per poter costruire la Coppa del Mondo: dignità e pace, come invitano i vescovi brasiliani. 
Adriano Sella
(missionario e discepolo dei nuovi stili di vita)


BAMBINI IN FUGA DAL MEDITERRANEO
Ciao, il 14 Luglio partiremo per una nuova Missione umanitaria rivolta ai BAMBINI in FUGA dalla guerra e dalla fame che arrivano con i barconi dal mare Mediterraneo. 
Già nel mese di Maggio abbiamo realizzato un primo intervento per loro nel Centro Accoglienza Profughi di via Aldini a Milano. Allora la situazione era critica ma ora lo è ancora di più perché in migliaia prendono il mare con quei maledetti barconi, per cui pagano almeno 1000 euro a persona agli scafisti, rischiando spesso anche la loro stessa vita.
 
È evidente che lo fanno perché non hanno altra scelta che li allontani dalla guerra, dalla morte per bombe, per fame, per sete, malattie o per il freddo appena ritornerà l'inverno.
 
La situazione è difficilissima per tutti i profughi e i più deboli sono i bambini che vivono un dramma materiale ma anche e maggiormente un dramma psicologico che si porteranno per sempre nella loro vita.
 
Per questo andremo, ancora una volta, a portar loro la nostra amicizia, la nostra solidarietà, la nostra convinzione che esiste un mondo bello che si manifesta nello spirito altruista di tutti i volontari e delle persone di cuore e umane, e combatte per un futuro di armonia e di pace per tutti/e! 
Stiamo formando una CAROVANA DELLA GIOIA che porterà allegria e solidarietà, sorrisi,
giochi e aiuti, nei luoghi dove sbarcano i rifugiati, nei centri di prima accoglienza, alla stazione di Catania da dove le famiglie siriane affrontano il viaggio in treno per Milano (da cui poi partiranno per il centro e nord Europa). 
Abbiamo bisogno anche del TUO AIUTO!  Abbiamo aperto una sottoscrizione per finanziare il progetto. 
Per iniziare servono 2500 euro, ne abbiamo raccolti già 796 (report al 17 Giugno 2014) e ne mancano quindi ancora 1704. Con questi soldi affronteremo le spese vive del viaggio di solidarietà con il nostro JoyBus e acquisteremo in loco materiali di prima necessità per i bambini e le loro famiglie (oltre quelli che porteremo con noi da Roma). 
Ti chiediamo di darci una mano con una donazione, anche piccola, anche solo 10 euro! Puoi farlo tramite bonifico bancario a LA SCUOLA DI PACE IBAN: IT26P0538703224000000159612, tramite Paypal con la mail scuolapace@gmail.com o da questa pagina
Il report delle donazioni raccolte, e le attività che realizzeremo, sarà pubblicato sulla pagina/gruppo facebook della Missione:
www.facebook.com/groups/bambininfugadalmediterraneo
Ti preghiamo anche di far girare questo messaggio, condividerlo e farlo arrivare a quanti più amici possibile. Grazie di cuore! 
La Scuola di Pace - ass. di volontariato MISSIONE BAMBINI IN FUGA DAL MEDITERRANEO



Ciao
insieme a te ci impegniamo da sempre affinché in Italia e in Europa vengano definitivamente abbandonati petrolio, carbone, gas e nucleare. Ora siamo pronti ad una nuova battaglia contro queste energie sporche e pericolose, e ancora una volta sarà la tua voce a fare la differenza!
Siamo stufi delle bugie raccontate dalle multinazionali energetiche e dai governi: promuovono le fonti fossili come l'unica alternativa sicura ed efficiente, quando sappiamo che al contrario provocano guerre, inquinamento, malattie e alti costi economici. E' giunto il momento di prendere una posizione chiara e univoca, è ora di cambiare strada: scopri come voltare le spalle alle fonti fossili.
Perché è importante entrare subito in azione? I prossimi mesi saranno fondamentali per la salute del nostro clima: i leader di tutto il mondo si riuniranno per decidere come sarà il futuro della nostra energia. Dobbiamo fare in modo che le richieste di noi cittadini vengano ascoltate adesso. Abbiamo diritto ad un presente di energie sicure, abbiamo il dovere di pretendere un futuro pulito!
Se anche tu vuoi dire basta ai morti del carbone, ai disastri delle trivellazioni, ai costi esorbitanti di gas e nucleare e vuoi fermare i cambiamenti climatici per le generazioni presenti e future, firma ora la Dichiarazione di Indipendenza energetica dalle fonti fossili, chiedi con noi un futuro di rinnovabili. Perché il nostro non è un Paese per fossili!
Grazie di essere sempre al nostro fianco
e di aiutarci a proteggere questo Pianeta dai cambiamenti climatici
. GREENPEACE

Linea Amica Immigrazione è un servizio fornito dal Portale Integrazione Migranti, un’assistenza telefonica multilingue disponibile per gli utenti del portale. È possibile accedere al servizio gratuito telefonando al numero verde 803.001 da fisso o06828881 da cellulare. Il servizio è accessibile anche attraverso Skype dalla pagina chiedi a Linea Amica nella sezione chiama con Skype dal sito www.lineaamica.gov.it.
Il servizio ha preso il via nel 2010, e, dopo una prima fase sperimentale, adesso è pienamente attivo. Diverse sono le sezioni che lo compongono, in una pagina web abbastanza intuitiva ed usabile. In particolare sono interessanti le prime due icone cliccabili, ovvero chiedo ad un esperto e cerco le risposte. La prima infatti consente di contattare direttamente un operatore, lasciando aperta anche la possibilità di scegliere se essere o meno richiamati (in caso negativo basta evitare di spuntare la casella “voglio essere contattato telefonicamente” ).
In aggiunta, nella home page del portale Linea Amica Immigrazione c’è anche la possibilità di avviare una “chat”, cliccando sull’icona corrispondente ben visibile in alto al centro della pagina iniziale, ed indicare solo il proprio nome così da avviare una conversazione scritta con l’esperto.
Se invece l’esigenza di informazioni coincidesse con una conoscenza maggiore della lingua italiana, nella sezione cerco le risposte, indicata visivamente da una lampadina verde, si apre un elenco di possibili domande (le cosiddette FAQ), e, ancor più specificamente, sulla destra della pagina, è selezionabile l’opzione Tutte le risposte sul tema dell’immigrazione sono disponibili nella sezione: Stranieri in Italia dove si possono trovare risposte più specifiche riguardanti le possibili domande che di uno straniero alla Pubblica Amministrazione, indicata nel sito con la sigla PA.
Data anche la collocazione di questi due pulsanti, una delle priorità della Linea Amica Immigrazione risulterebbe essere l’interazione con l’utente al fine da favorirne la permanenza nel sito e l’acquisizione di informazioni utili. Ad ogni modo il servizio telefonico risulta essere altrettanto usabile, riducendo al minimo i tempi di attesa e rimandando, nella risposta, a sezioni specifiche del sito da consultare, o a documentazione da produrre.
Il multilinguismo dello strumento informatico e del servizio telefonico lo rende particolarmente funzionale anche all’abbattimento di quella barriera linguistica che spesso si colloca tra la persona straniera ed i servizi forniti dai diversi ministeri. La certezza di poter accedere alle informazioni burocratiche in una lingua che si conosce meglio dell’italiano dovrebbe scardinare un importante ostacolo comunicativo.
Come contattare Linea Amica Immigrazione:
Numero verde 803001
Cellulare 06828881
Orari dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18
Skype lineamicapa

RETI   AMICHE:
Segnalo a tutti gli amici di Fatti Mail  la rete con cui spesso condividiamo sfide solidali:
- la rete di Raffaele Magrone


Lo spirito di gratuità che muove Fatti Mail implica che chiunque abbia ricevuto (o riceva) ospitalità circa  un proprio comunicato lo faccia in spirito di condivisione dell'idealità solidale accettando di essere parte di uno spazio in cui la comunicazione sia tanto un dire quanto un ascoltareLa solidarietà ha infatti necessariamente due direzioni quella del chiedere e quella dell'offrire. Se non sono entrambe vissute ed accolte non potrà esserci spazio di solidarietà.
Nei Fatti  - e nelle Mail - questo significa accettare:
-       che il proprio indirizzo e-mail entri nella mailing list di Fatti Mail (che non ne farà uso alcuno al di fuori della spedizione on-line delle news letter 2/3 volte al mese)
-       ed essere disponibili a leggere i bollettini che si riceveranno con la stessa solidarietà che si è sperato altri abbiano messo in gioco leggendo  il proprio annuncio
Una Gaia giornata!


Nessun commento:

Posta un commento

mi chiamo Futuro ... tu come ti chiami ?

mi chiamo Futuro ... tu come ti chiami ?
Dio mi liberi dalla saggezza che non piange, dalla filosofia che non ride e dall'orgoglio che non s'inchina davanti ad un bambino" (K. Gibran) - "Forse ha ragione il gesuita p.John Haughey quando afferma :”Noi occidentali leggiamo il vangelo come se non avessimo soldi e usiamo i soldi come se non conoscessimo nulla del Vangelo" (Alex Zanotelli)

FORSE NON TUTTI SANNO CHE:

1) Mangiare, Dormire, Lavarsi ... è x tutti
sul sito della Comunità di S. Egidio è possibile "sfogliare" guide solidali che informano sulle realtà CITTADINE disponibili a sostenere chi si trovi in difficoltà

http://www.santegidio.org/index.php?&pageID=228

2) Legalità è Solidarietà
I grandissimi "piccoli" numeri delle "mafie" da una parte
e dall'altra i piccoli "grandissimi" numeri di chi quotidianamente tesse scelte solidali e cultura legale per contrastarle: sapere è potere, sapere è vedere video come quello presentato dalla trasmissione "La Storia siamo Noi"

SOLIDARIETA' E AMBIENTE

ACQUA, un popolo di spreconi

ACQUA, un popolo di spreconi

Un popolo di spreconi.

Ne consumiamo ogni giorno più di 250 litri a testa, più di ogni altra nazione europea.

Non siamo i più puliti, ma solo i più spreconi.



Ogni giorno utilizziamo centinaia di litri d’acqua senza prestare molta attenzione; in genere l’atteggiamento più diffuso è quello di pensare che «basta aprire un rubinetto e servirsene a piacere», in realtà le cose non stanno proprio così, è necessario fermarsi a riflettere un attimo per dare il giusto valore ad una risorsa che purtroppo non è infinita.

Senza acqua nessuna forma di vita è possibile, è un bene d’assoluta necessità che diventa sempre più scarso con il passare del tempo per motivi sia di ordine quantitativi (l’acqua oggi a disposizione è pari a circa un terzo di quella disponibile negli anni ‘50 e tra cinquanta anni sarà ulteriormente dimezzata), sia qualitativi (per ogni litro d’acqua potabile, almeno otto risultano contaminati dall’attività umana).

Gli effetti di questa situazione sono sotto gli occhi di tutti: casi crescenti di razionamento idrico; il consumo di acqua minerale o filtrata diventato quasi un obbligo; lievitazione del costo dell’acqua potabile ecc.

Se poi allarghiamo lo sguardo a livello mondiale, il panorama diventa ancora più preoccupante: circa un miliardo e mezzo di persone non dispongono di acqua potabile.

Di fronte ad un quadro tutt’altro che roseo, oltre ad avvicinarsi al rubinetto con maggiore rispetto, diventa importante porsi il problema di come contribuire in prima persona a migliorare la situazione.

D’altra parte, un uso più appropriato dell’acqua non fa bene solo all’ambiente, ma anche al portafogli e con molta probabilità anche alla pace tra i popoli, perché sono oramai numerosi gli analisti politici che individuano nella carenza d’acqua uno dei possibili motivi di conflitto armato tra i paesi.

Che fare?

Per eliminare gli sprechi idrici si può agire su tre fronti: -Ridurre i consumi d’acqua, in modo da erodere il meno possibile questa preziosa risorsa e contrarre l’impatto ambientale (produrre, trasportare e smaltire acqua potabile richiede energia e produce inquinamento). -Contrarre l’impiego di additivi per ridurre l’inquinamento dell’acqua, della natura e dell’ambiente domestico. -Diminuire il consumo energetico per scaldare e distribuire l’acqua al fine di ridurre l’inquinamento ambientale e il consumo di energia fossile. Per raggiungere questi obiettivi è necessario intervenire sia a livello degli stili di vita, modificando alcune abitudini radicate nel tempo, sia a livello di impiantistica, utilizzando apparecchiature progettate con particolare attenzione al risparmio idrico ed energetico per garantire un’efficacia uguale o superiore rispetto ai dispositivi convenzionali. Spesso si tratta di mettere mano al portafogli, ma il più delle volte il risparmio che deriva dall’uso di tali dispositivi ripaga in poco tempo la spesa affrontata per il loro acquisto. Il massimo dei risultati si ottiene quando entrambe queste strategie, cioè modifica delle abitudini e nuova impiantistica, sono adottate insieme. Vediamo ora in dettaglio le varie soluzion possibili.

Riduzione dei consumi

Iniziamo dalla tipologia di utilizzo che impatta maggiormente per poi passare alla seconda e così via prendendo come riferimento il diagram-ma a torta (vedi il grafico ripartizione dei consumi domestici), in altre parole guardiamolo con occhi famelici e gettiamoci a capofitto sulla fetta più grossa per poi passare a quella di dimensioni immediatamente inferiori e cosi via!

  • Docce e bagni.
  • La doccia presenta un minor consumo d’acqua, rispetto al bagno, soprattutto se si tiene l’acqua aperta solo quando serve.
    Inoltre è possibile adottare docce a risparmio energetico, in grado di ridurre i consumi oltre il 70%. In termini pratici, considerando una doc-cia al giorno si possono risparmiare in un anno oltre 50.000 litri d’acqua e diverse centinaia di euro.
    La cosa importante è di utilizzare docce che non si limitino a ridurre il consumo d’acqua (allora tanto vale non aprire totalmente il rubinetto, con il risultato che s’impiega più tempo a lavarsi e si consuma lo stesso quantitativo di acqua), ma sfruttino in maniera più intelligente l’acqua, garantendo un elevato potere lavante a fronte di minori consumi.
    Vi sono inoltre vantaggi secondari interessanti: nel caso di boiler elettrico, più persone riescono a fare la doccia consecutivamente e minori sono i cali di portata per gli altri utenti, l’unico rovescio della medaglia è che, passando meno acqua nei tubi, si deve attendere più tempo l’arrivo dell’acqua calda.

  • Lavaggio stoviglie e biancheria.
  • Nel caso in cui si utilizzino lavatrici o lavastoviglie è bene farle girare sempre a pieno carico; nel caso dei lavaggi a mano evitare l’uso d’acqua corrente e preferire l’acqua raccolta in un lavabo o in una bacinella.
    Sempre per ridurre gli sprechi, non lasciate diventare vecchio lo sporco dei piatti e le macchie ostiche dei tessuti perché richiedono un lavaggio più impegnativo sia da un punto di vista chimico (detersivi) sia energetico (tempi e temperature più elevate); lavare separatamente i pezzi a seconda del grado di sporco.
    Molti si chiederanno: si consuma più acqua, energia e detersivi lavando a mano o a macchina?
    Per rispondere in maniera corretta a questa domanda è necessario conoscere due fattori: grado di riempimento ed «economicità» della macchina da una parte e capacità di lavaggio manuale dall’altra.
    Comunque alcuni studi in materia hanno dimostrato che per lavare lo stesso quantitativo di stoviglie, pari ad un carico intero di una lavapiatti, mediamente si consumano 80 litri d’acqua se lavati a mano; 60 se lavati a macchina; 12 litri nel caso di apparecchi ad elevata efficienza, i quali oltre al risparmio d’acqua consentono una notevole contrazione dei consumi di detersivi ed energia.

  • Vaschette del WC.
  • Le vaschette tradizionali, in genere contengono circa 24 litri, un volume d’acqua tale da permettere una buona azione lavante nel caso di presenze solide…, ma eccessivamente elevata nel caso di rifiuti liquidi.
    Mediamente, con tali sciacquoni si ha un consumo giornaliero di circa 100 litri a persona, in gran parte sprecati.
    Più efficienti sono le vaschette a due mandate, una da 3 e l’altra da 6 litri, grazie alle quali il consumo giornaliero, a parità di funzione, scende a 15 litri d’acqua.
    Se utilizzate in maniera corretta, ossia schiacciando il tasto giusto al momento giusto, con le vaschette a doppia mandata si arriva a risparmiare circa 17.000 litri d’acqua l’anno a persona.
    Quando non si hanno a disposizione vaschette ad hoc, è possibile modificare i tradizionali cassonetti introducendo dei pesi che permettono di ottenere le stesse prestazioni.
    Un altro metodo è di inserire nella vaschetta un mattone o più semplicemente una bottiglia piena d’acqua.
    In quest’ultimo caso si risparmia molta acqua, ma si riduce anche la quantità disponibile per ogni scarico con l’inconveniente di ridurre l’azione lavante.

  • Rubinetti.
  • Vanno aperti solo quando serve e tenuti chiusi mentre ci si insapona o ci si lava i denti; analogamente per lavare la frutta e la verdura è sufficiente usare acqua raccolta in una bacinella e non quella corrente.
    Per dare un’idea concreta di quanto questi gesti quotidiani possano far variare notevolmente il livello dei consumi idrici, analizziamo in dettaglio cosa accade durante il lavaggio dei denti: tenendo aperto il rubinetto per tutto il periodo di pulizia, si arriva a consumare 10.000 litri l’anno a persona; quando il rubinetto viene aperto solo per il risciacquo il consumo d’acqua si riduce a 1600; se poi invece dell’acqua corrente si utilizza quella contenuta in un bicchiere, si arriva a non più di 200 litri d’acqua l’anno!
    Un bel risparmio, vero?
    Per quanto concerne interventi di tipo impiantistico, è possibile sostituire i normali filtrini dei rubinetti (quelli che ogni tanto dobbiamo pulire dal calcare e da altre sporcizie) con dei modelli risparmio energetico (aeratori).
    Come per le docce vale il discorso di acquistare dei modelli che non si limitino a ridurre la portata dell’acqua, ma che producano un getto di eguale capacità lavante con consumi inferiori.

  • Perdite dalle guarnizioni.
  • L’acqua, che a causa di perdite delle guarnizioni gocciola dai rubinetti o dallo sciacquone, sembra poca cosa, ma essendo continuativo, anche il semplice gocciolamento comporta uno spreco inutile di migliaia di litri d’acqua (e di euro).
    Nel caso in cui l’impianto è dotato di accumuli dell’acqua calda, come ad esempio i boiler elettrici, oltre al consumo d’acqua le perdite idriche si tramutano anche in uno spreco d’energia elettrica.
    È pertanto consigliabile di sostituire immediatamente le guarnizioni danneggiate.

  • Ridurre l’Impiego di Additivi
  • Tutti i detergenti, compresi quelli ecologici, comportano un impatto ambientale per la loro produzione, il trasporto e lo smaltimento.
    Inoltre, soprattutto nel caso di detergenti convenzionali, si ha una liberazione di residui tossici nell’ambiente che poi vengono assimilati attraverso la respirazione, la pelle e il consumo di alimenti.
    Ecco perché è bene ridurre al minimo l’impiego di detergenti e detersivi e in ogni caso preferire i prodotti ecologici.
    Ma cosa c’entrano i detersivi con l’acqua?
    È molto semplice: in tutti i processi di pulizia viene utilizzata l’acqua come diluente che, se usata in modo intelligente, riserva ottime sorprese!
    Per il lavaggio di stoviglie e del bucato è possibile trattare energicamente l’acqua con opportuni dispositivi da applicare direttamente alle condotte dell’acqua o direttamente nelle macchine da lavare o sotto forma di additivi, ottenendo circa un dimezzamento dei consumi dei detersivi.
    Per quanto concerne la pulizia delle superfici è consigliabile impiegare dei panni in microfibra dove l’azione chimica degli additivi è completamente sostituita dall’azione meccanica, ossia si pulisce e si sgrassa unicamente utilizzando l’acqua.
    Ma anche in questo caso, per non avere risultati deludenti, è necessario scegliere prodotti d’elevata qualità.

  • Combattere il Calcare
  • Il calcare è ben noto per la tendenza a creare incrostazioni, assai difficili da rimuovere da box doccia, lavelli e rubinetteria in generale; ma i maggiori inconvenienti, il calcare li crea all’interno dell’impianto idraulico, ossia nelle condutture e, soprattutto, nei generatori d’acqua calda (elettrici o a gas).
    Tali depositi creano due tipi di barriere: una termica e una fisica.
    La prima si traduce in un maggior consumo di energia per nulla trascurabile, infatti, per ogni millimetro di deposito di calcare nei tubi, si registra un aumento dei consumi elettrici di circa il 10% e siccome lo strato accumulato in un generatore d’acqua calda può diventare molto spesso, nel tempo, i consumi possono crescere vertiginosamente.
    Analogamente, lo strato di calcare crea anche una barriera fisica al passaggio dell’acqua che, nel caso d’impianto dotato di autoclave, fa anch’esso aumentare i consumi di elettricità.
    Infine va detto che il calcare sollecita maggiormente l’impianto idraulico riducendone la durata.
    Una verifica della presenza di calcare all’interno dei tubi può essere realizzata con una semplice prova.
    Aprite al massimo il rubinetto dell’acqua fredda e notate la portata; dopo qualche istante ripetete la stessa cosa con il rubinetto dell’acqua calda.
    La minore portata dell’acqua calda è essenzialmente dovuta alle incrostazioni di calcare presenti nel generatore di calore!
    Le soluzioni utili per vincere il calcare si dividono in due categorie: trattamenti in grado di inibire il potere di coesione del calcare che, pur continuando ad essere presente nell’acqua, non è più in grado di for-mare incrostazioni; trattamenti di rimozione del calcare dall’acqua.

Ecologia Domestica

Del primo gruppo fanno parte i trattamenti energetici dell’acqua, i catalizzatori ceramici e i campi magnetici.

I primi uniscono le proprietà anticalcare alla riduzione dei consumi di detersivi ed all’eliminazione del problema della formazione della ruggine (molti modelli possono essere installati senza ricorrere all’idraulico).

I catalizzatori ceramici sono estremamente efficaci, ma richiedono un intervento impiantistico così come i dispositivi basati sull’effetto dei campi magnetici.

Tra i dispositivi che operano la rimozione parziale del calcare dall’acqua vi sono gli addolcitori, il cui impiego richiede periodicamente l’aggiunta di sale e un’accurata manutenzione.
Inoltre, sia l’installazione che la manutenzione richiede l’intervento di tecnici specializzati.

LENTE D'INGRANDIMENTO


Stop alla droga? Diciamolo in piazza

di Francesca Sironi - marzo 2013

Parlare di cocaina nei luoghi in cui viene venduta, per sottrarli agli spacciatori e resituirli, almeno per un giorno, alla legalità. Un'occupazione lettaria itinerante, in giro per l'Italia, da Roma a Scampia, da Palermo a Milano. Ecco il progetto 'Tira dritto', nato dall'idea del giornalista di Repubblica Paolo Berizzi


Occupare i fortini della droga. Usando solo la forza della parola. Restituendo, almeno per un giorno, le principali piazze di spaccio d'Italia alla legalità. E' l'obiettivo di "Tira dritto - Stop Cocaina", una campagna ideata dal giornalista Paolo Berizzi e sostenuta dal dipartimento delle politiche antidroga alla Presidenza del consiglio dei ministri. Un'iniziativa a tappe che inizierà mercoledì 27 marzo a Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma: «Questi sono luoghi dove centinaia di famiglie vivono spacciando cocaina. Noi vogliamo portare per un pomeriggio le istituzioni, gli esperti, i magistrati e dei testimonial a parlare delle conseguenze dell'uso e della vendita della "regina" delle droghe», spiega Berizzi.

Gli incontri non saranno paludate conferenze ospitate in qualche sala comunale, ma dibattiti all'aperto, per strada: «Si chiamano "Talkstreet" ed è la prima volta che il tema della droga sarà affrontato in questo modo, in Italia. Pensavo fosse un'idea folle, ma molti l'hanno sostenuta».

Berizzi, autore con Antonello Zappadu del libro "La Bamba", in cui ricostruisce il percorso della coca dalle piantagioni colombiane alle vie di Milano, porterà con sé magistrati ed esperti ma anche attori, registi, cantanti. Fra i volti noti ci saranno quelli di Pierfrancesco Favino, Daniele Silvestri, Marco Giallini, Kasia Smutniak, Matteo Garrone: «Ognuno di loro racconterà la sua esperienza, condividerà delle riflessioni sul problema della cocaina. Avere dei testimonial è importante: andremo in quartieri dove sono conosciuti, e questa sarà magari la scusa per portare la gente in piazza».

Gli scambi di parole saranno brevi, promette Berizzi: «Quello che ci interessa veramente è ascoltare gli abitanti dei quartieri. Sentire da loro cosa significa vivere in mezzo alla droga». Niente palco, tendoni o inviti: tutto avverrà per strada, sui marciapiedi, fra le panchine dei parchi pubblici. A moderare gli interventi sarà sempre Elsa di Gati, giornalista di Rai3. La promozione dell'iniziativa sarà fatta sul territorio, dalle associazioni locali: «L'incontro di Roma è promosso con Villa Maraini, che da 40 anni aiuta i tossicodipendenti. Al dibattito interverrà anche il fondatore della comunità, Massimo Barra, un uomo che vive in trincea da tutta la vita».

Per Berizzi i Talkstreet, 15 in tutta Italia, che andranno dallo Zen di Palermo a Corso Como a Milano, dal quartiere Japigia di Bari a Porta Palazzo a Torino, saranno un modo per «occupare» le piazze di spaccio. Una parola forte, "occupare", che spiega così: «Vogliamo portare le istituzioni in mezzo alla gente che tutti i giorni vive a contatto con la cocaina. Vogliamo scendere per strada, non fermarci a una carovana simbolica. Andare nelle piazze di spaccio ci permetterà di dare un segnale forte, usando semplicemente le parole». Le reazioni potrebbero essere diverse: «Dove potremo, dove avremo le carte, le sentenze, faremo i nomi dei signori della droga locali. Ci rivolgeremo anche a loro, alle loro famiglie, nel loro territorio. Non potremmo dare un segnale più forte di questo. Le reazioni potranno essere negative o positive, purché ci siano». Per una volta, infatti, gli abitanti potranno essere protagonisti, non animali da zoo dietro le telecamere né vittime di un gioco più grande di loro: «Non saremo dei meri registratori. Tutto ciò che ci diranno servirà a giornalisti e magistrati per capire meglio il mondo della cocaina, anche dal loro punto di vista».

I contesti saranno ovviamente diversi. Dal degrado di Scampia alle luccicanti vetrine del centro di Firenze o di Bologna. Anche i discorsi cambieranno, col contesto, ma l'obiettivo rimarrà sempre lo stesso: «Accendere i riflettori». Ogni due o tre settimane, a partire dal prossimo 27 marzo, la campagna si sposterà in giro per l'Italia. Sperando di lasciare un segno contro il business della cocaina, che continua ad arricchire le mafie e a rovinare la vita di migliaia di persone: «Oggi la cocaina è molto più di quanto si pensi. Influenza i comportamenti, regola e stravolge le dinamiche sociali, la vita delle città. E' sovrana della quotidianità lavorativa, dai muratori ai parlamentari, dai piloti ai manager, dagli autisti ai chirurghi. Imbianca i licei e le università e incipria i nasi di consumatori sempre più giovani», scrive Berizzi sul sito: «Basterebbe una boccata d'aria pura, una sniffata di libertà, un'indigestione di fiducia, una volta, per un pomeriggio, magari un'ora, per ricordarsi come ci si sente bene padroni di noi stessi»
.

SOLIDARIETA' E CONSUMI

L’economia solidale

è, prima di tutto, un atteggiamento da cui derivano dei comportamenti che determinano un particolare stile di vita. Non si tratta solo, infatti, di aderire alle formule del commercio equo solidale, ma anche, e soprattutto, di rivoluzionare le nostre abitudini quotidiane: l’economia solidale comprende anche il nostro modo di lavare e lavarsi, ossia la quantità e la qualità di acqua, sapone e detersivi che utilizziamo.

Partire, quindi, dalle piccole cose, dalle attività quotidiane che, alla fin fine, costituiscono, in termini di tempo d’esecuzione, una porzione molto ampia di ogni nostra giornata. Limitare i consumi, specie d’acqua, evitare gli sprechi, cooperare con gli altri, sostituire la moda dell’ “usa e getta” con quella del recupero, utilizzare prodotti ecocompatibili, utilizzare l’automobile solo in casi di estrema necessità, impegnarsi a non inquinare, scambiare (tipo libri, cd, attrezzi, ecc.) per evitare di acquistare, sono alcuni imperativi per uno stile di vita un po’ più sobrio.

Zucchero equo-solidale

La nostra società si basa su un flusso continuo di merci e prodotti, e per questo viene definita consumistica. E, certamente, per cambiare le cose occorre intervenire (interferire) su questi automatismi.

Potremmo abbozzare una sorta di decalogo: compra leggero (ovvero prodotti con uno “zaino ecologico” non troppo pesante); compra durevole; compra semplice (in genere, gli oggetti più sofisticati sono meno durevoli, più delicati); compra vicino (per ridurre i danni ambientali che ogni trasporto comporta); compra sano; compra più giusto (e qui ci avviciniamo al discorso del commercio equo); compra prudente (a dispetto di normative e regolamentazioni, non è detto che il materiale acquistato non sia nocivo); compra sincero (evitare cioè i prodotti troppo pubblicizzati, dato che la pubblicità ce la paghiamo noi ed è spesso lontana dalla verità); compra mano d’opera (un metodo per aumentare l’occupazione); investi in futuro

INDIRIZZI UTILI

http://www.retelilliput.org/

http://www.utopie.it/http://www.retecosol.org/

http://www.networketico.it/

http://www.volint.it/http://www.zoes.it/

http://www.vita.it/

http://www.nuovomunicipio.org/

http://www.decrescita.it/

http://www.equonomia.it/

http://www.altreconomia.it/

http://www.altroconsumo.it/

http://www.valori.it/



COMMERCIO EQUO SOLIDALE

http://www.assobdm.it/

http://www.altromercato.it/

http://www.equoland.it/

http://www.transfair.it/

http://www.agices.org/

http://www.commercioetico.it/

http://www.equo.it/

http://www.mondosolidale.it/

http://www.cooperativaisola.org/

http://www.equociqua.it/

GAS

http://www.economia-solidale.org/

http://www.retegas.org/



FINANZA ETICA

http://www.bancaetica.com/

http://www.finanza-etica.itt/



TURISMO RESPONSABILE

http://www.aitr.org/

http://www.tures.it/

http://www.viaggiemiraggi.org/

http://www.viaggisolidali.it/

http://www.humanaitalia.org/



BARATTO

http://www.eticambio.it/

http://www.zerorelativo.it/

http://www.barattopoli.com/

http://www.tuttobaratto.it/

http://www.suesu.it/

da Fatti Mail a ... Song-Taaba ONLUS - Africa e Solidarietà

da Fatti Mail, da una mail spedita per chiedere una mano per il Burkina Faso, l'incontro con Padre Jean Ilboudo e la nascita, nel 2008, di Song-Taaba ONLUS.... Song-Taaba incontra Chiara Castellani, il suo Congo ed inizia un'esperienza umana di amicizia e solidarietà ... di conoscenza e consapevolezza ... che fa compiere ogni giorno nuovi passi ... guardando avanti ...

"A salvare veramente l’Africa non saranno i fondi e gli aiuti. Salveranno vite umane, permettendo loro di sopravvivere, ma non salveranno la vita dell’Africa. Cio’ che importa non sono i mezzi, ma le condizioni. Bisogna permettere all’Africa di ricostruirsi. Bisogna aiutarla a ricostruirsi. L’Africa deve essere prima che avere". (Joseph Ki-Zerbo)

L'Africa deve essere prima che avere ...

e come l'Africa, ognuno di noi

La strada dell'essere è quella i cui passi sono domande e la meta non è un dove ma un chi ...

Una strada che lo sguardo lungo e visionario di Padre Jean Ilboudo ha fatto intravedere a tutti noi

Song-Taaba è e vuole essere questo: la possibilità di percorrere questa strada

http://song-taabaonlus.ning.com/

Be Ye Ka Ye?: cosa c'è lì che non c'è qui?

Nulla o forse tutto: la voglia di muoversi, di interrogarsi,
di cercare il valore della vita ...

http://www.youtube.com/watch?v=WQGF1fqEruQ

la vita di Chiara Castellani

http://www.youtube.com/watch?v=HON6FoFUPnI

e di chiunque abbia voglia di vivere la solidarietà ...
se sei fra questi ... contatta:
segreteria@song-taabaonlus.org,


.... x iniziare a guardare l'Africa dal ... lato giusto:
Nel suo docu-film, Silvestro Montanaro, svela un'Africa
consapevole, dignitosa, aperta al futuro, segnata da ferite interne ed esterne,
creativa, saggia. Un' Africa da ascoltare, da capire, da scoprire e da cui
imparare:
http://www.ceraunavolta.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-5a587b72-ded6-4320-942f-572599d3406c.html,